Le cover italiane più assurde fatte da artisti stranieri

Non solo gli 883 metallari: da Robert Plant che canta la Vanoni ai CCCP in cinese, passando per David Bowie che fa Modugno, "L'italiano" di Toto Cutugno in finlandese, i Metallica che suonano i Litfiba e tanto altro. Una carrellata di perle dell'assurdo da conoscere assolutamente

Robert Plant, David Bowie, i Metallica, i CCCP e Toto Cutugno nella stessa foto. E non siamo neanche impazziti.
Robert Plant, David Bowie, i Metallica, i CCCP e Toto Cutugno nella stessa foto. E non siamo neanche impazziti.

Quando Tommy Johansson, chitarrista dei Sabaton - band svedese di power metal che parla di grandi battaglie storiche - ha pubblicato la cover di Una canzone d'amore degli 883, l'effetto è stato talmente trash da fare il giro e diventare capolavoro. Se ve la siete persa guardate qui. Ci siamo talmente appassionati all'argomento che abbiamo fatto gli archeologi per trovare altre cover di classici italiani fatte da artisti (o presunti tali) stranieri e il risultato è sorprendente. 

Alcune canzoni sono in italiano traballante, altre tradotte nella lingua d'origine, eppure  anche le più assurde (e ce ne sono), hanno un qualche motivo d'interesse. Tipo, non so, Robert Plant che canta la Vanoni. Buon divertimento e se abbiamo dimenticato qualche canzone, scrivetecelo nei messaggi

 

 

Io sto bene - CCCP in versione cinese

Non è dato sapere come questo cantante di strada cinese sia entrata in contatto col classico del punk emiliano Io sto bene dei CCCP Fedeli alla linea, ma la sua performance è assolutamente straordinaria. Nella sua versione megafonata la canzone diventa un'opera d'arte contemporanea, bella quasi quanto l'originale.

 

Io vorrei, non vorrei, ma se vuoi - Lucio Battisti in versione inglese
(Music is Lethal - Mick Ronson)

Nel vasto regno delle assurdità c'è anche un Battisti-Mogol di cui s'innamorano David Bowie e Mick Ronson, il suo chitarrista ai tempi di Ziggy Stardust and the Spiders from Mars. In questa versione cantata da Ronson, il testo è di Bowie. Il glam rock al suo massimo melodramma che incontra il cantautorato di casa nostra.

 

Se una regola c'è - Nek in versione russa 

Questo video è diventato un meme talmente famoso da non aver bisogno di alcuna presentazione: un classico della scrittura Nekiana in grado di far ballare grandi e piccini reinterpretato in un italiano un po' così da tre ragazzi russi che non sembrano esattamente una boy band.

 

Il pescatore - Fabrizio De André in versione cinese 

Quando può mai succedere nella vita che il cantautore più intellettuale e serioso della canzone italiana, il poeta Fabrizio De Andrè si sia ritrovato suo malgrado reinterpretato in cinese per la sigla di un telefilm? I suo pescatore, quello con l'arrangiamento della PFM rivive in questo classico del cattivo gusto che andiamo a proporvi.

 

Tanta voglia di lei - Pooh in versione inglese
(I'll Close the Door Behind Me - Jerry Vale) 

Jerry Vale, vero nome Gennaro Luigi Vitaliano, è uno di quei cantanti che figurerebbero perfettamente nei film di Martin Scorsese. Sua la cover in ammerigano dello struggimento del marito traditore dei Pooh cantato da Dodi Battaglia, che al tempo fece lo fece litigare con Riccardo Fogli, che avrebbe voluto essere lui la voce del famosissimo brano.

 

Quando si tratta di versioni cinesi, non si capisce mai bene come siano state create né se siano omaggi o veri e propri plagi. Questa è la volta del singolo più famoso di Caparezza totalmente saccheggiato in questa nuova canzone col video coi samurai. Tutto molto bello, va detto.

 

El Diablo  - Metallica (originale dei Litfiba) 

Chissà cosa passava nella mente dei Metallica per fare un siparietto in cui cantavano canzoni rock locali durante i concerti del tour del 2019.  Qui vediamo Rob Trujillo e Kirk Hammett mentre intonano El Diablo dei Litfiba, supportati dal pubblico che nella data precedente gradì meno la gag, ma ne parliamo in seguito.

 

Mi ritorni in mente - Lucio Battisti in versione inglese
(Wake Me I Am Dreaming -  Love Affair (With August Eadon) 

La band dei Love Affair, britannica fino all'osso, era solito mischiare il pop col prog. Non gli andò particolarmente male durante la fine degli anni Sessanta, ma neanche benissimo. In ogni caso a fine carriera registrarono questa cover di Mogol-Battisti togliendo la parte più interessante, il cambio di tempo e di intenzione nella strofa. Rara inutilità la loro versione. 

 

L'italiano - Toto Cutugno in versione finlandese
Olen Suomalainen - Kari Tapio

Quando pensate che la vostra vita faccia schifo, concentratevi su quanto doveva essere poco felice quella del cantante finlandese Kari Tapio per cantare una versione totalmente identica de L'italiano di Toto Cutugno cambiandola per l'occasione in Sono Finlandese. Come se la musica non tradisse abbastanza origini mediterranee non pervenute da quelle parti. 

 

La musica è finita - Ornella Vanoni in versione inglese
Our Song - Robert Plant 

 No, non avete letto male. È quel Robert Plant lì, il futuro cantante dei Led Zeppelin, la più grande rockstar di tutti i tempi mentre tentava la carriera solista in giovane età, con brani pop adatti alla sua voce spettacolare. Qui si cimenta in un capolavoro firmato Franco Califano - Umberto Bindi e la fa sua con ardore.

 

Io me ne andrei - Claudio Baglioni in versione inglese
Empty Bed - Mick Ronson

Che dire, a Mick Ronson buonanima piaceva proprio il cantautorato italiano. Certo, l'ultima cosa che ci verrebbe da pensare nella vita è associare Claudio Baglioni a Ziggy Stardust, eppure nell'anno del Signore 1975, il chitarrista glam precursore del punk ha registrato una versione piuttosto fedele di Io me ne andrei del cantautore romano. Strana la vita, eh?

 

Vivimi di Laura Pausini in versione cinese 

Già che eravamo un po' a secco di versioni cinesi di classici pop italiani, facciamo questo ributtino grazie a questa artista purtroppo anonima che riporta in auge l'antica Vivimi di Laura Pausini. Se conoscete il nome di questa prode cantante fatecelo sapere nei commenti.

 

Volare - David Bowie (originale di Domenico Modugno)

David Bowie, il più grande di tutti, un artista a 360 gradi,  capace di cambiare pelle e di rendere anche la sua morte un'opera d'arte, avrà mai commesso un errore? Sì, questa versione di Volare in italiano tratta dal film Absolute Beginners. Una cafonata galattica, eppure la sua voce aliena rende anche questa operazione piuttosto bislacca quasi gradevole. 

 

Pensieri e parole - Lucio Battisti in versione svedese
Tankar Och Ord - Sylvia Vrethammar 

Ah la lingua svedese, così musicale, che sembra uscir fuori da una saga nordica fantasy direttamente dalla bocca degli orchi, eppure piuttosto simpatica in questa versione "cuore oltre l'ostacolo" di Pensieri e parole di Battisti - Mogol. Niente a che vedere con l'originale, ma comunque un applauso per lo sforzo.

 

4 marzo 1943 - Lucio Dalla in versione portoghese
Minha Historia - Chico Buarque de Hollanda

Questa è proprio una chicca che sembra venir fuori da Le avventure acquatiche di Steve Zissou, il film di Wes Anderson in cui Seu Jorge canta Bowie e lo rende brasiliano. Stessa operazione per Lucio Dalla e la sua autobiografia magica, che col ritmo e la cadenza brasileira diventa una canzone altrettanto bella. Una meraviglia sulla carta impossibile.

  

C'è chi dice no - Metallica (originale di Vasco Rossi)

A un metallaro puoi dire di tutto, ma non rammentare Vasco Rossi perché si può imbruttire. Figuratevi cos'è successo quando quegli ingenuotti dei Metallica hanno suonato C'è chi dice no nella loro pausa tra una cavalcata e l'altra. D'altra parte, come potevano sapere del campanilismo tutto italiano? Poi comunque, alla fine la cantavano tutti.

 

Via con me - Ana de Armas (originale di Paolo Conte)

Il film Acque profonde è di una bruttezza quasi ributtante, però il momento in cui Ana de Armas canta in italiano una versione super sexy di Via con me per far ingelosire mister prosciutto cotto Ben Affleck, diciamo che salva la pellicola di Adrian Lyne da una disfatta colossale. 

---
L'articolo Le cover italiane più assurde fatte da artisti stranieri di Simone Stefanini è apparso su Rockit.it il 2022-09-12 10:33:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia