Rockit presenta: Game of Songs, le band italiane interpretano le sigle delle serie tv Rubrica

hot 2.1k
Illustrazione di Martina LorussoIllustrazione di Martina Lorusso
30/12/2015

Le sigle delle serie tv si dividono in due tipi: quelle che mandi avanti per iniziare direttamente con la visione della puntata, e quelle che invece, non importa che tu sia alla decima puntata della quindicesima stagione, devi rivedere sempre e comunque. In ogni caso, almeno per la prima e l'ultima puntata di una serie tv, guardarne la sigla per intero è una specie di rituale irrinunciabile. 

Una sera d'estate si discuteva proprio di questo, e da lì l'idea: perché non chiedere a qualche band italiana di reinterpretare a modo loro alcune delle sigle più belle e significative degli ultimi anni? 
Con la collaborazione dei nostri siti-cugini Serialminds e Dailybest, abbiamo unito le tre cose che ci piacciono di più: le band italiane, le serie tv e il divertimento.

A ogni band è stato chiesto di reinterpretare la sigla nel proprio stile: così l'epicità di Game of Thrones diventa materiale da sole mare e onde nelle mani dei Monaci del Surf; l'hard rock da motociclisti di Sons of Anarchy si trasforma in un'allucinazione desertica con Phill Reynolds; Matilde Davoli ricava dai brevissimi spunti di Breaking Bad e Madmen delle apocalittiche partiture elettroniche; A Copy For Collapse rende il tema di American Horror Story ancora più soffocante, mentre "I'll be there for you", la sigla di Friends, si addolcisce con la grazia tipica dei Perturbazione.

Ve le regaliamo tutte in free download, e durante queste feste fate come noi: recuperoni delle serie tv imperdibili del 2015. 

Tag: serie tv colonna sonora

Commenti (2)

Carica commenti più vecchi
  • Gianguido Oggeri Breda 21/12/2015 ore 21:54 @gianguido

    Commento vuoto, consideralo un mi piace!

  • BitRider 04/01/2016 ore 22:15 @BitRider

    Credo di avere una cotta per Matilde Davoli.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


LEGGI ANCHE:

I pezzi dei Pink Floyd scartati da Antonioni per Zabriskie Point