Piero Ciampi, punk prima di te

foto via radio24.ilsole24ore.com - Piero Ciampi nel 1978foto via radio24.ilsole24ore.com - Piero Ciampi nel 1978
28/09/2015 di

"Se mi vogliono mi pagano, quelli della Rai sono ricchi, hanno mocassini di lusso che costano anche diecimila lire"

Piero Ciampi


Con questa frase Piero Ciampi, nel 1976, rifiuta, pur bisognoso di pubblicità, di farsi riprendere dalle telecamere del Premio Tenco. Dopo due inviti negli anni precedenti, rispettivamente finiti nel nulla o in un telegramma che recita un dimesso ed esaustivo "Non sono potuto venire. Piero", ecco che finalmente il cantautore livornese approda sul più importante palco della storia della nostra canzone.

Quella a cui il pubblico assiste quella sera è la più punk tra le esibizioni live della nazione, una sorta di declinazione da chansonnier di derivazione francese di quel Sid Vicious che canta "My Way", prende la pistola e spara al pubblico immobile. Dopo aver ottenuto il cachet di 130.000 lire in netto anticipo sui suoi colleghi, seducendo e ricattando il fondatore del Tenco Amilcare Rabaldi e infine minacciandolo di non salire sul palco, Ciampi si presenta alla platea sbronzo marcio, appena rientrato da una lunga sessione di vino e birra.

Con un ritardo cosmico e su una base che parte ed è costretta a occupare il tempo da sola, Ciampi attacca il primo dei quattro pezzi che eseguirà nella mezzora a sua disposizone: una versione assolutamente inedita per strampalatezza, testo e cantato, di "Te lo faccio vedere chi sono io". L'immediata sensazione, all'ascolto della registrazione più che casalinga di quell'ultimo recital del cantautore, è di una triste e imbarazzante monologante variatio delle versioni orginali dei suoi brani, sensazione destinata a disperdersi col procedere del live. Prima di eseguire "Adius" e di gridare a gran voce il più celebre vaffanculo della canzone e d'Italia (almeno fino agli ultimi tempi) Ciampi riesce a discutere con il pubblico rispondendo sonoramente a un timido contestatore con l'ormai epica frase: "tu sei un anonimo, se vuoi parlare devi venire qua, io rischio e te no" e insieme a dare vita al Ciampi degli annali, grazie a un improvvisato micro trattato pop sul discorso amoroso, spiegando che un uomo, per conquistare una donna, deve sempre essere debole perché un uomo che fa la corte è sempre debole per definizione.

Discorsi da sbronzi e da fattoni insomma, che invece in questo caso hanno il potere immediato di trasformare la regolare e pettinata normalità di una kermesse di giacche più che di maledettismi, in un ring tra il poeta e l'ascoltatore, tra il potere naturale dell'arte e l'ordinato potere degli spazi a essa dedicati. Piero Ciampi è sbronzo, sì, ma uno sbronzo che non perde mai il lume del talento, trasformando quindi una situazione ai limiti nell'occasione che il premio Tenco stava aspettando per esistere in sé stesso, per essere celebrato attraverso un live-verità irripetuto. Mentre il punk Ciampi, nel 1976, a due passi da una morte per tumore alla gola, ancora pagava il prezzo del rappresentare l'ultimo buco nell'acqua della discografia italiana, quel L'italiano cioè che doveva essere, stando ai giornaletti dell'epoca, il cantautore emblema della temeraria follia della Ricordi, altrove si costruivano a tavolino band che su innaturali sregolatezze e forme di antagonismo preconfezionato avrebbero costruito storie e carriere di maggiore successo.

Alla struggente versione di "Ma che buffa che sei" che pure in pessima qualità sembra restituire ogni strato poetico dell'originale, è il monologo che apre l'esecuzione dell'ultimo pezzo, "Il giocatore", a reggere tutta la potenza dell'intero live. Che cos'è il giocatore? Ciampi ce lo spiega:

"Il giocatore è un guerriero che tiene in mano una spada con cui cerca di inculare il denaro, bisognerebbe dargli una pensione"

Dice proprio così, sul palco del Tenco, Piero Ciampi, nel 1976, dopo aver zittito un pubblico dapprima sgomento per la sua sbronza colossale e poi evidentemente attonito di fronte a un talento così violento e invadente da assorbire, esso stesso, lo stordimento figlio delle bevute estreme. E aggiunge: "il giocatore è l'unico che ha capito la micidialità del denaro, il denaro ci frega tutti"

Niente di nuovo per Ciampi, che già aveva abbondantemente scritto il verso "Il denaro è un porco", di volta in volta sintetizzando e raccontando il rapporto più complicato della sua vita insieme a quello con l'alcool e a quello con le donne - la cui qualità ruotava costantemente proprio intorno a vino (troppo) e denaro (sempre troppo poco).

Sconcertante è la naturalezza con cui questo autore sia riuscito a portare avanti in modo del tutto selvaggio e prescindendendo dai luoghi deputati alle proprie performance, una precisa forma di talento e rabbia, il modo in cui non si sia mai posto al gioco della tv e della forma spettacolo, comportandosi da indipendente prima della musica indipendente e portando sui pochi palchi solcati l'immobilità plastica (Senza rete, 1970) o la composta rabbia di chi, già molto prima di cantare i cantatissimi ultimi, aveva trascorso una vita come fosse predestinato ad arrivare ultimo.

Il live del 1976 è un evento di cantautorato-verità e punk senza successori, Ciampi non ha paura né niente da perdere e non c'è ragione per non mostrarsi nudo di fronte a tutti a rivelare i drammi delle dinamiche amorose, familiari ed economiche, il dolore della solitudine che si prova solo se si è in due, la pura tristezza delle angosce del vivere.

In fondo nient'altro è richiesto a un poeta, come lui non esitava a definirsi (anche sulla carta d'identità) prima che il suo volto diventasse emblema di maledettismi che Ciampi stesso non avrebbe capito, impegnato com'era a guadagnarsi bevute e giuste mani di poker più che a risultare ciò che molti, ancora oggi, si aspettano dalla figura avvinazzata e maudit in dolcevita nero.    

Tag: opinioni Retroterra

Commenti (6)

Carica commenti più vecchi
  • Enrico de Angelis 29/09/2015 ore 15:03 @enrico.dea

    Commento vuoto, consideralo un mi piace!

  • Enrico de Angelis 29/09/2015 ore 15:04 @enrico.dea

    Che bello questo pezzo di Giulia Cavaliere! Complimenti

  • Alessandro Carugini 25/11/2015 ore 13:56 @alessandro.carugini

    Una delle più belle registrazioni dell'epoca... La Rai dovrebbe restaurarla e consegnarla a queste nuove generazioni

  • Enrico de Angelis 25/11/2015 ore 14:13 @enrico.dea

    Il fatto è che questa registrazione non è della Rai. Come è appunto raccontato nel pezzo di Giulia Cavaliere, Ciampi si rifiutò di farsi riprendere, la Rai spense le telecamere e non registrò niente. La registrazione arriva dal service audio di quelle serate ma quella originale si è persa. Noi del Club Tenco avevamo a disposizione solo una copia (addirittura su audiocassetta) e quella abbiamo pubblicato in un disco, la stessa che ora è anche su youtube. Ma pur andando in uno studio professionale ci è stato impossibile restaurarla e migliorarla, dovendo partire dal modesto nastrino monoaurale di una cassettina.

  • Gabriella Gentile 29/09/2017 ore 09:07 @gabestardust

    Complimenti, articolo scritto benissimo...finalmente! (Non sono ironica, dico sul serio)

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


LEGGI ANCHE:

Cinque dischi che mi ha consigliato mia madre