La storia di Stryx, il programma musicale più geniale mai prodotto dalla Rai Rubrica

patty pravo in stryxpatty pravo in stryx
30/08/2016 di

"Tutto sacrosantamente documentato”: così si sottotitolava Stryx, uno dei programmi televisivi più innovativi e sperimentali che la Rai abbia mai trasmesso.
Era il 1978, e pochi anni prima (nel '75) era nata la seconda rete (poi divenuta Rai2), in contrapposizione alla prima che restava bastione democristiano e della tradizione. Infatti è proprio qui che nascono nuove idee e vengono trasmessi programmi come ‘L’Altra Domenica’ di Arbore e ‘Tele Vacca’ (poi ‘Onda Libera’) che vede l’esordio in tv di Roberto Benigni.

In questa atmosfera di rinnovamento generale si sviluppa un concept incentrato sull’esoterismo, un mix di satanismo ed erotismo (tutto in chiave ironica e dissacrante) che rompe definitivamente gli schemi della televisione italiana.
La mente in cui questa idea prende vita è quella di Enzo Trapani: già regista di noti varietà quali ‘Senza rete’ e ‘Fantastico’, e scopritore di talenti (Beppe Grillo ed Heather Parisi per citarne alcuni), decide di creare uno show incentrato sulla magia, intesa come mondo popolato di demoni, folletti, diavolesse e vergini da sacrificare, dove la musica avesse un ruolo primario.

Lo stesso Trapani era stato, anni prima, l’inventore del primo programma musicale dal taglio giovanile per la Rai (‘Alta Pressione’) e in Stryx verrà affiancato nella scrittura da due autori di canzoni, Carla Vistarini e Alberto Testa.
I protagonisti del programma erano musicisti, allora più o meno famosi, e ognuno interpretava un ruolo preciso in questo particolare universo esoterico: Tony Renis era il Philoconduttore, Angelo Branduardi il Folletto, i Rockets erano Cosmodiavoli, e poi c’erano varie tipologie di strega, la Sexy Stryx (interpretata da Amanda Lear), la Stereo Stryx (Anna Oxa), l’Indian Stryx (Asha Puthli) La Stryx Do Brasil (Gal Costa), la Rumstryx (Grace Jones), la Gipsy Stryx (Mia Martini), la Subliminal Stryx (Patty Pravo) e Ludmilla strega della camomilla (Ombretta Colli). Completavano il cast fisso i cantanti e attori Walter Valdi (Il Rospo Franz) e Corrado Lojacono (Maestro cerimoniere), l’attore Gianni Cajafa (Furcas, Console Anti-fattura) e il mimo giapponese Hal Yamanouchi (padre di Tayo Yamanouchi, meglio conosciuto come il rapper Hyst)

 

Come affermava lo stesso claim della trasmissione, pare davvero che tutto fosse documentato e frutto di lunghi studi sulle epoche medievali e le tradizioni magiche nei secoli passati: il nome stesso prendeva spunto dallo Strige, un animale leggendario e origine etimologica della parola strega.
Il set, allestito negli studi Rai di Milano, si presentava come un antro diabolico molto vivace e colorato, ideato dallo scenografo Ennio Di Maio, popolato da figure inquiete e provocanti, teatro di balletti sfrenati ed espliciti nudi femminili (nella sigla si esibisce in una sensuale danza dei sette veli, per restare infine a seno nudo, una giovanissima Barbara D’Urso).

In questo ambiente decisamente psichedelico, tra luci e fumo, non mancavano incursioni di veri animali, come scimmie, leoni, gufi e pavoni, e ovviamente non mancavano le performance musicali degli artisti protagonisti dello spettacolo, sempre immersi nel concept e dunque curiosamente abbigliati e dalle movenze altrettanto stravaganti.
L’autore delle musiche originali era Tony De Vita, che si affidò a temi evocativi e riconducibili a una certa tradizione francese di fine ottocento.

La scelta del cast era molto variegata: artiste sofisticate si alternavano ad altre che giocavano sulla loro ambiguità sessuale, e altre ancora che facevano dell'esotismo il loro punto di forza. Si esibivano singolarmente interpretando brani propri e cover, con scene e costumi seducenti e particolari: meritano una particolare citazione Grace Jones che canta "Anema e core" in bikini sotto la doccia, Patty Pravo con la sua "Johnny" mentre indossa soltanto un elegante completo nero giacca e pantalone, con un punto interrogativo rosso disegnato tra i seni scoperti, e ancora Mia Martini che si esibisce mentre viene trascinata al rogo (evidente allusione alle tristi dicerie legate al suo nome). Spesso la performance era accompagnata dal corpo di ballo che circondava la cantante, sempre comunque al centro della scena.

 

La prima puntata andò in onda il 15 ottobre del 1978, in prima serata, e già la sera stessa i centralini della Rai vennero subissati di telefonate da parte di spettatori indignati per quello che ritenevano uno spettacolo che celebrava riti demoniaci e sfruttava in maniera spudorata il corpo femminile.
Lo share non raggiunge i 9 milioni, un po’ poco per uno show in prime time dal costo notevole (250 milioni di lire a puntata), e le polemiche si diffondono anche all’interno della stessa azienda. Il direttore di rete, Massimo Fichera, grande innovatore e padrino di storici programmi tv, tentò di difendersi affermando: ”I nostri nudi non sono mai gratuiti, partono da una posizione culturale. E poi il nudo non equivale al male, al peccato”, ma ormai il polverone sollevato stava per trascinare via con sé il varietà: dopo la sesta puntata, trasmessa il 19 novembre, lo show venne sospeso, ma ormai il suo spirito avanguardistico aveva lasciato il segno. 

La critica, però, si schierò ampiamente a favore di Stryx: Alberto Bevilacqua nella sua rubrica ‘Controvideo’ sul Corriere della Sera e Vittorio Zucconi, sempre sul Corriere, non trovano affatto offensivi quei nudi, e la trasmissione vincerà molti premi, tra i quali la prestigiosa ‘Rosa d’oro’ al Festival Internazionale della Televisione di Montreaux.

Così, nel 1978, a un anno dall’avvento della tv a colori, dopo anni di programmi improntati ai valori fondamentali e dalle trame leggere e sostanzialmente innocue, Stryx è esploso in tutta la sua sperimentale genialità, aprendo le porte a tutto quel che di innovativo è venuto dopo, e riguardo all’uso del nudo femminile, fu proprio in seno al PSI (che allora gestiva Rai2) che avvenne un curioso episodio solo dopo poche settimane dalla chiusura del varietà: sulla rivista ufficiale del partito, ‘Garofano’, apparve una pagina intera con una donna dal seno scoperto che beve una bibita e la scritta “Io voto socialista, e tu?”.
La pagina venne presto ritirata, ma le cose, era evidente ormai, erano cambiate. 

Tag: Retroterra tv

Pagine: Patty Pravo Mia Martini Anna Oxa

Commenti (6)

Carica commenti più vecchi
  • Salvatore Ursus D\'Urso 31/08/2016 ore 19:15 @salvatore.durso169

    Permettetemi di precisare che il secondo canale iniziò nel 1962,le denominazioni attuali cominciarono dopo l'introduzione del TERZO,avvenuta nel 1978.

  • Rino Tripodi 01/09/2016 ore 13:15 @rino3podiprof

    Bellissimo articolo. Ricordavo un po' la trasmissione. In effetti, all'epoca non mi piacque perché la trovavo confusionaria e fracassona. Comunque, grazie.

  • Marite 04/09/2016 ore 23:09 @6660#annoiata

    Ho un vago ricordo di questa trasmissione, però ricordo molto bene il clima di trasgressione di quegli anni (qualcosa di inimmaginabile oggi). Grazie per il bell'articolo.

  • Iskra Rosa Rossa 05/09/2016 ore 01:10 @iskrainaredsky

    era un programma fantastico

  • Lapillo Vulcanico 09/07/2017 ore 12:10 @paolaugo95

    Piccola precisazione: il secondo canale era nato già nel 61, ciò che avviene nel 75 è il passaggio alla gestione socialista. Inoltre, il nome "seconda rete" si ha solo dopo l'introduzione della terza rete nel 79.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


LEGGI ANCHE:

“Fabrizio De André. Principe libero”, il film con Luca Marinelli arriva al cinema come evento speciale