Leggi la recensione

Descrizione

Why not nasce dal desiderio, anche provocatorio, di affacciarsi in prima persona nel mondo della musica indipendente italiana senza il timore che le tante influenze del trio e le (apparenti) differenti sonorità dei brani in scaletta possano intaccare il valore della sua espressione globale. L’urgenza di esprimersi con passione, determinazione e coraggio ha creato un prodotto d’insieme che è al contempo sfaccettato , ma connesso in ogni sua parte dalla perfetta alchimia sonora fra i tre membri che, come è naturale, travalica qualsiasi confine di genere. Why not è composto da 10 brani registrati in presa diretta che trasmettono tutta la potenza e la dinamica tipica dei live. Radici di ogni brano sono intensità, ricerca stilistica, groove e improvvisazione. I brani sono cantati in inglese, di stampo rock; evolvono da radici blues e funk in un flusso di dinamiche che rimandano ora all’alternative ora alla psichedelica. In aggiunta due tracce strumentali che trasportano la solidità del trio in ambienti jazz e un’originalissima rivisitazione del classico di John Lennon Cold Turkey.

Credits

Nel disco trovano spazio collaborazioni illustri come i fiati di Guidi Bombardieri, Alessio Palmieri, Luca Bazzani e Alessandro Bottichiari, il Fender Rhodes di Fidel Fogaroli, il flauto traverso di Andrès Pasinetti e la voce di Andy Brevi, il tutto arricchito dal magistrale lavoro di Tommaso Rovetta alla fotografia e di Fabio P. Galessi alla grafica.


Si potrà assistere alla presentazione di Why not il 29 aprile 2015 presso il Druso Circus di Via Galimberti a Bergamo.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati