Banda Putiferio - Il campanile di Curon testo lyric

TESTO

Il campanile di Curon
(Daniele Manini - Stefano Guglielmin)


Parlato
“A memoria di popolo che nulla può fare
quando qualche alto interesse lo può allagare”

Ci fu un paese che scomparve nel nulla
una vecchia storia che lo cancellò dalla terra.
“Chi squagliò il bel paesello? Chi lo tirò sotto giù?”

Rimane il campanile dal lago
spunta il campanile dal lago
La sua punta fora l'acqua
e l'occhio di chi passa
Cara Val Venosta e il lago
dama benvoluta dal lago…

Una diga s’ha da fare:
Austroungarica, fascisti, Montecatini
Ma il gran merito fu della democrazia
di cristiana memoria che lo seppellì:
“Com'è d'oro la vallina senza i tetti di Curon!”

Rimane il campanile dal lago
spunta il campanile dal lago
La sua punta fora l'acqua
e l'occhio di chi passa
Cara Val Venosta e il lago
dama riverita dal lago…

Gli abitanti spopolati e mal risarciti
mille giornate di lavoro, pane per settemila
e poi cemento come lava o melma
o cosa di poco amore
“Dove sei fanciulla mia? Casa mia tu dove sei?”

Rimane il campanile dal lago
spunta il campanile dal lago
La sua punta fora l'acqua
e l'occhio di chi passa

Parlato
“Povera Val Venosta
dama mal vestita
dama mal venduta
per un lago.”

PLAYER

Premi play per ascoltare il brano Il campanile di Curon di Banda Putiferio:

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone Il campanile di Curon si trova nell'album Il paradiso delle trottole uscito nel 2010 per Tunué.

Copertina dell'album Il paradiso delle trottole, di Banda Putiferio
Copertina dell'album Il paradiso delle trottole, di Banda Putiferio

---
L'articolo Banda Putiferio - Il campanile di Curon testo lyric di Banda Putiferio è apparso su Rockit.it il 2020-10-14 19:44:53

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO