Leggi la recensione Video in questo album (2)

Descrizione a cura della band

Registrato tra i mesi di Aprile e Giugno 2013 da Alberto Armellini, Alarm Studios, "Scrivimi quel che ti pare" e' un disco che si può definire di genere Cantautorato Grunge. Il nostro background musicale è infatti vario, alcuni di noi provengono da un ambiente metal, altri da un contesto punk o hard rock, ed io che scrivo i testi e le melodie sono un cultore di Kurt Cobain e del Grunge anni '90, allo stesso modo del cantautorato italiano come e sopratutto Francesco De Gregori. Il nostro lavoro non è stato creato per divertire, tantomeno per vendere o far ballare la gente: questo disco vuole essere la storia dei nostri sentimenti, delle nostre speranze e della nostra amicizia, e cerca di creare un contatto empatico con l'ascoltatore, tantoché ci si immedesima l'uno nei panni dell'altro.
I temi del disco sono diversi: in "Tu non sai", "Le ore" e "Forse mio padre" si parla della rabbia e del dispiacere per un rapporto sentimentale finito, oltre che del difficile rapporto con i propri genitori. "Tesla e Jack White" parla della dipendenza dall'alcool, delle paure e della visione distorta della realtà che questa droga crea. "La combustione" è solo un affresco ambientato ai tempi della seconda guerra mondiale, come Alexanderplatz di Franco Battiato questa canzone cerca di portare l'ascoltatore su delle sensazioni di nostalgia e malinconia. "Croci" e "Un cinese in testa" raccontano storie diverse tra loro: strani modi di amarsi, rifiuto della politica e degli schemi in cui la società ci relega, hangover del giorno dopo.

Marco Della Mora

Credits

Diego Campanotti : Voce
Marco Della Mora (Cei) : Chitarra & Voce
Matteo Ceroi (Ce) : Basso
Gil Riga (Gil) : Batteria
Marco Murello (Lando) : Chitarra
Gabriele (Blase) Blaseotto : Tastiere & Voce

Francesca Commisso : Violino & Viola ne "La Combustione"

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati