Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

Non c’è nulla intorno né ora, né mai più, l’orizzonte è bianco e senza più contorni come anche il cielo, voi siete altro ormai e io non posso più raggiungervi. C’è uno sguardo su di me, fisso e distante. Ho paura, nel bianco c’è solo luce e timore, niente altro che luce e timore, cosicché le lacrime si trasformano in suoni e quei suoni a loro volta diventano un pugno di stupide canzoni da cantare a squarciagola aspettando, soli, la fine del mondo.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati