Il ragazzo con la maschera da panda aveva sempre sognato di formare un gruppo electroclash con voce femminile.
Nel corso degli anni aveva desistito dal suo intento perchè impegnato in altri progetti. Aveva inoltre deciso che, prima di approcciarsi alla musica elettronica ed alla programmazione, sarebbe stato il caso di imparare a leggere, scrivere e far di conto.
Raggiunti tali obbiettivi di affermazione personale, il ragazzo con la maschera da panda incontrò la ragazza con la maschera da gatto (in realtà lei letteralmente irruppe in un cesso pubblico da lui in quel momento occupato, complice una serratura non proprio affidabile)
la quale, giunta in Italia direttamente dalle campagne dello Yorkshire, pensava fosse il caso di dare credito alle farneticazioni del primo sconosciuto incontrato.
Così, a settembre 2016, i due tizi mascherati iniziarono a comporre i brani di un album che non poteva che chiamarsi "Party Animals".
Il primo disco dei Bikini Death Race.