Camillorè Stequattromura Ascolta e Testo Lyrics

Camillorè Stequattromura Ascolta e Testo Lyrics

band
Rock, Cantautore, Alternativo 

Bari, Puglia
concerti@camillore.it

Brano

00:00
 
00:00

Testo della canzone

STEQUATTROMURA
La convivenza con i miei pensieri in queste quattro mura è una dantesca,
un'allegorica selva quasi un'avventura.
E a te che tieni tanto a torturare la parola “Amore”,
sento il dovere di descriverti casae non farò l'attore.
Hai mai strozzato un cerbiatto uscito dal cassetto dei calzini?
Hai visto mai dei pomodori verdi mordere bambini?
Lo fanno per intimorire un futuro mondo vegetariano.
Tu sei la prima frequentante che non troverà il mio frigo strano.
E la mia televisione sempre triste,spenta e senza un programma?
La religione catodica da tempo l'ha gettata nel dramma.
Ho un delfino nella vasca da bagno e fuma solo Marlboro
e c'è il fantasma ottocentesco di una suora con il dente d'oro.
Vieni,vieni a casa mia.Ho un corridoio pieno d'alberi
e foglie di Pim Pum Pam.Puffi che oziano negli angoli
e sognano Amsterdam.
Hai mai incontrato un testimonedi Geova nel congelatore?
Hai fatto mai coraggio a dei peluche in grave alienazione?
Ho un rubinetto che oltre all'acqua perde pure il vino buono,
ed una presuntuosa tazza del cesso che si crede un trono.
Hai mai sorpreso pantofole suonare Bach al pianoforte?
Hai mai inseguito un cavatappi ribelle per tutta la notte?
Ho due grucce innamorate che fanno il nido nell'armadio
e che poi cibano i pulcini di cravatte e pesci dell'acquario.



Album che contiene Stequattromura

album Graffi e Perle - Camillorè
Graffi e Perle 2012 - Cantautore, Rock, Folk OTRlive, Universal

Guarda il video Vai all'album

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    aggiungi ai tuoi preferiti