CAMERA D'ASCOLTO - Ascolta e Testo Lyrics Orfeo nell'Ade

Brano

00:00
 
00:00

Testo della canzone

Lei che scappava vestita di bianco
Uccisa dal viscido servo al suo fianco
L'alito caldo del fuoco m'invade
Mille gradini scendendo nell'Ade

Echi di blasfemia e d'ire rimosse
Traffici d'anime incontran Minosse
Canta le grida "pietà dal supplizio!"
Fine infinita di schiavi del vizio

Mio Principe elevo quest'Ode
Con cantico d'arpe t'imploro signore
Risorge Euridice alla luce del sole
Per sempre sarò
Fedele suonatore...

Cerbero mastica i miei peccati
Piango e redimo i miei mille passati
Un vigliacco prostrato al suo trono
Di commozione una melodia intonerò

Mio Principe elevo quest'Ode
Con cantico d'arpe t'imploro signore
Risorge Euridice alla luce del sole
per sempre sarò...

Sospetti infami danzano nella mia mente
E' la paranoia di portar per mano il niente
Non riesco
Non riesco
Non riesco a non..girarmi

Album che contiene Orfeo nell'Ade

album Figli della crisi...di nervi - CAMERA D'ASCOLTOFigli della crisi...di nervi
2014 - Cantautore, Alternativo, Pop punk
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati