Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

"Quattro passi in centro" è il primo album di Chicco de March al secolo Enrico Di Marzio. A seguito di una pausa dei Thomas, band che lo vede in veste di chitarrista, nei mesi a cavallo tra il 2014 e 2015 il musicista acquese scrive, con l'aiuto di Andrea Tullio Canobbio, e registra, occupandosi di tutte le parti strumentali escluse quelle di piano affidate a Giordano Menegazzi tastierista dei Thomas, i brani che andranno a comporre l'album. Tra questi le versioni in italiano di "Under the milky way" (Sulla via lattea) dei Church dall'album "Starfish" e di "April fool" (Stanotte muoio) dei Thomas dall'album Fin.
"Quattro passi in centro" è un album voluto, solido ed elettroacustico.
I brani:
-Quattro passi in centro: passeggiare aiuta a riflettere: quando i conti non tornano si
reagisce…questo disco nasce così.
-Finardi, aveva ragione: mettere in ordine gli oggetti conservati, rovistare nel proprio
passato e scoprire che il tuo eroe ha sempre avuto ragione.
-NYC incubo: cronaca di un viaggio sbagliato: il corpo nel deserto del Mojave, la testa a
Bowery str.
-Stanotte muoio: una delle prime serate da solista tra dj set improvvisati e lunghe assenze
dal palco, senza che nessuno si accorgesse di nulla. Versione in italiano di "April Fool" presente sul secondo album dei Thomas "Fin".
-L’uomo di Neanderthal: storia d’amore della classica coppia “squilibrata” molto in voga
negli anni ’80: lui freak avanti con gli anni, lei giovane e bellissima. Ispirato al brano
“Cara” di Lucio Dalla
-Tranquillo che uscirai un uomo viene rapito e tenuto nascosto per otto giorni. Poi il
rilascio e la consapevolezza che il peggio deve ancora arrivare. Quell’uomo è mio nonno.
-Sulla via lattea: traduzione letteraria del brano “Under the milky way” dei Church.
Canzone meravigliosa, gruppo straordinario
-Cerchi nel grano: la difficoltà nel dire le cose come stanno stimola la fantasia.
-Venite affanculo: una risposta ironica e scherzosa ad un ”invito” che spesso ci arriva
anche dai cantanti e dalle canzoni.
-Tacchi alti e biberon: tutte le difficoltà e l’impegno di ragazza madre nel continuare ad
avere una vita normale.

Credits

Registrato, mixato e masterizzato da Fabrizio “Naniz” Barale presso lo studio Piave 34 (Cuneo).
Testi e musica di Enrico Di Marzio e Andrea Tullio Canobbio.
Cantato e suonato da Chicco De March, escluse le parti di piano, eseguite da Giordano Menegazzi.
*Sulla via lattea (Under the milky way) Copiright ©1987 by Music Sales Corporation, Steven Kilbey
Music and MCA Music Australia Pty. Ltd. This translation made with permission of Music Sales
Corporation (ASCAP) International Copyright Secured. All Right Reserved. Traduzione a cura di
Andrea Tullio Canobbio.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati