Cosimo Viciglione - Ascolta e Testo Lyrics Campi Di Grano

Brano

00:00
 
00:00

Testo della canzone

Vedo sempre intorno a me campi di grano,
dense boscaglie, dolci colline.
Tutto riflette il colore del sole.
Il vento innalza i petali di un fiore mentre appassisce
senza dolore.
L’erba giallastra su quella duna sembra un’orchestra
di archi e violini diretti dal vento.
Alberi di mele cespugli di more ai margini del fiume,
sul ciglio del ruscello che attraversa i monti,
che gli fanno da mantello.
Verso le tre, il sole arde il cielo,
il vento è ormai morto, e l’afa sovrasta la valle.
E il tempo
non passa mai,
non passa mai,
non passa mai,
non passa mai!...
Non c’è più niente,
non c’è più tempo,
non c’è più spazio,
non c’è più niente,
non c’è più niente, niente!...
Non c’è più spazio,
non c’è più tempo.
La nebbia di un fumo innaturale
si abbatte sulle città, sulle case,
sulle cose,
e tutto è distrutto.
Il vento originale non esiste più:
è nel respiro dei gas di scarico
dei mezzi di trasporto.
Non c’è più niente, niente!...
Non c’è più spazio,
non c’è più tempo.
Non c’è più niente, niente!...
Tutto è distrutto.

Album che contiene Campi Di Grano

album Losanga - Cosimo ViciglioneLosanga
1997 - Cantautore
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati