Delitto su carta
Video
0
Articoli
0
Concerti
0

Descrizione a cura della band

Siamo dotati di cinque sorprendenti sensi che spesso dimentichiamo di avere perchè li utilizziamo solo in parte, tanto impegnati siamo stati di circondarci di oggetti elettronici che li sostituiscano.
(Dimenticandoci che noi stessi li abbiamo creati, e che quindi sono già racchiusi in noi.)
Il progresso ci ha ingannato è un'aperta denuncia all'abuso della tecnologia per socializzare, mettendo ancora più in sordina i nostri sensi già addormentati. Contemporaneamente c'è il desiderio di unirsi a quelle persone che cercano di depurare i loro sensi dai loro sosia virtuali e ribellarsi.
Attraverso tutto l'album si può percepire il forte desiderio di reagire, scoprendo che è nelle piccole cose che spesso si trova l'essenza. Se imparassimo nuovamente a entusiasmarci davanti a una goccia d'acqua, potremmo vedere ciò che ci circonda con Occhi nuovi. Collocandoci in netta contrapposizione a chi vuole rimanere nella sua inutilità, troppo impegnato a colpevolizzare tutto ciò che lo circonda da dimenticarsi completamente di usare i propri sensi per reagire.
Ora (che abbiamo degli occhi nuovi) possiamo andare a ritroso e seguire il pecorso tortuoso della nascita dei sensi che esplode ne La tua età. Sarà solo crescendo che sentiremo sempre più impellente la necessità di esprimerci liberamente, scoprendo tristemente di essere spesso abbandonati dalla società, ma di voler comunque portare avanti la battaglia dell'essere di essere libero.
Attraversiamo la riscoperta dell'olfatto in Fuori dal tempo. Dove ci immergiamo in odori del passato che possiamo associare a visioni di ricordi che conserviamo gelosamente. E che si sono come arenati nel tempo...e con Goccia a goccia ci lasciamo travolgere da un sapore che ci avvolge totalmente.
E'solo quando siamo privi di un senso che sviluppiamo al massimo gli altri e realizziamo quanto sia fondamentale la loro interazione nella nostra percezione: Braille è un inno al tatto in tutte le sue innumrevoli sfumature e Solo con un senso riesce a sfondare ogni muro attraverso la forza dirompente della musica!
E come in un cechio scopriamo solo di essere un acrobata che cammina nel buio, su una sottile linea tra vita e morte, che cerca con tutto sé stesso di sveglarsi e vivere.

Credits

Davide Fontanel - Voce / chitarra
Diego Bozza - Chitarra
Alessandro Mirone - Basso
Paola Sivelli - Batteria

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati