Leggi la recensione

Descrizione

Breve intro ai pezzi:
Daje scinnò ce pioe: spaccato di vita contadina dei primi anni cinquanta. Sta per piovere, i grandi si affannano ed i giovani si divertono.
Io vojo cantà: è la passione per la musica alla quale come qualsiasi altra passione non si può mai rinunciare…volenti o nolenti
Cantilena della sera:nasce dalla suggestione nell'ascolto di un canto alpino durante il servizio di leva. "Nikolajewka”, ossia la battaglia combattuta dagli Alpini per sfuggire all’accerchiamento dell’esercito russo in mezzo al gelo della steppa, dove morirono assiderati o uccisi migliai di uomini. “Cantilena della sera” era il canto dei soldati russi che i soldati italiani sentivano, la sera, dall’altra riva del Don mentre si preparavano alla battaglia.
Pore parole: le parole povere e sagge delle persone anziane.
Pagni e rigordi: sono i ricordi e le sensazioni provate un pomeriggio nel guardare fuori dalla finestra della casa d'infanzia e nel rivedere oltre i panni stesi, il campo dove si era soliti giocare.
Quel che passa: In quest’epoca di poche certezze, l’unico punto fermo è che tutto passa, tranne l’amore inteso in senso universale….per qualcosa o qualcuno…
Amara vida: E’ un inno alla vita aldilà del titolo.
Tira ancora 'l vento: è la trasformazione dell’amore nel corso di una lunga vita trascorsa insieme.
Correje dietro all'amore: l'amore adolescenziale rincorso con ansia e batticuore.

Grazie dell'attenzione.

Credits

Diego Carè: chitarre e voce autore dei testi e delle musiche; Piero Belardinelli: fisarmonica e voce; Fausto Ulissi: chitarre e mandolino; Mauro Paggi: percussioni

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati