di noi stessi e altri mondi - Venere Dei Treni testo lyric

TESTO

Paolo la rincorre in strade che non conosce
Lei è un'apparizione leggera e fugace
Appartiene a un mondo fatto di stanze ampie e luminose
Trae la fonte della sua bellezza dalla luce
La vede salire ogni giorno in treno
E la rincorre fin dentro il vagone
La guarda parlare, ridere, osservare il grande mondo che veloce scorre lungo i bordi di quella freccia che attraversa cieli tersi
Di quella carovana che porta i viandanti in città straniere
Chi vive la sua vita in due luoghi
E a nessuno di loro appartiene.
Lui con quella luce vorrebbe rischiarare le ombre di una vita difficile. Il sorriso di lei riflesso in quel vetro opaco è il trionfo dell'estate.
Un giorno Paolo le parlerà, e le dirà, con tutto il suo amore
Mia Venere dei treni,
Appartieni ai miei viaggi quotidiani
a quelli vissuti e quelli anche solo sognati
Alle fantasie che rendono meno pesanti i minuti
Mia Venere, su questo treno
Ti ho riconcorso come una canzone che ho scritto invano
conserverò in me la tua troppo diversa bellezza australe
Profondamente limpida nella luce

PLAYER

Premi play per ascoltare il brano Venere Dei Treni di di noi stessi e altri mondi:

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone Venere Dei Treni si trova nell'album Equorea uscito nel 2017 per I Dischi del Minollo, Audioglobe, La stalla domestica - produzioni e concerti, Believe Digital.

Copertina dell'album Equorea, di di noi stessi e altri mondi
Copertina dell'album Equorea, di di noi stessi e altri mondi

---
L'articolo di noi stessi e altri mondi - Venere Dei Treni testo lyric di di noi stessi e altri mondi è apparso su Rockit.it il 2021-04-26 14:15:19

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO