Sarajevo non è soltanto una città ma è l’allegoria delle nostre vite; l’elmetto è la solidarietà e il rifugio antibomba è l’amore.

Gli Electric Sarajevo iniziano il loro percorso collettivo durante l’estate 2009, come il più classico dei side project.

In bilico fra elettronica e post rock, il suono della band cresce alimentato dalle suggestioni romantico/nichiliste di quattro musicisti già impegnati in altre formazioni attive nella capitale (Muven, Barnum Freak Show, Kardia).
Durante i due anni appena trascorsi, gli Electric Sarajevo lavorano a testa bassa e senza proclami alla scrittura dei nove brani che costituiranno la colonna vertebrale del loro debut album “Madrigals”.

Il disco, inciso, missato e masterizzato tra la fine di agosto e l’inizio di settembre 2011 da V Fisik presso l’Hombrelobo di Roma, sarà presto disponibile e potrà fregiarsi delle partecipazioni dei fratelli Soellner [Klimt1918] e dello stesso V Fisik [Inferno].