Leggi la recensione

Descrizione

Esce l’11 novembre 2013 su tutte le piattaforme digitali “IL DUBBIO”, il nuovo album di Elisa Rossi.
La seconda prova discografica della cantautrice porta la firma di Fabio Cinti come arrangiatore e produttore artistico. Il disco nasce dall’esigenza dell’artista di voler sperimentare un nuovo mondo musicale, fatto di piccole contaminazioni elettroniche, discostandosi dunque dal sound pop-acustico del primo disco “Viola Selise” (Edel - 2010). Le dieci tracce sono episodi di vita interiore contraddistinti ognuna da un punto interrogativo, dai toni sempre diversi, che nell’insieme definiscono le sfumature del dubbio.
Attorno al concetto del dubbio ruotano come satelliti orbitanti le dieci tracce che compongono questo lavoro: quello stato d’incertezza e di insicurezza in cui si oscilla e che determina la messa in discussione delle proprie verità. Sonorità a tratti cupe ottenute attraverso la cura di suoni eterei avvolgono i testi poetici composti quasi esclusivamente dalla stessa cantautrice tranne “Sabbia e neve”, brano donatole dallo stesso Cinti, e “Quel che resta”, il cui testo porta la firma del poeta Carlo Volpi.
Dubitare di sé stessi innanzitutto, porsi delle domande, è un opportunità a cui non ci si deve sottrarre perché, per quanto l’impatto possa essere devastante, ne seguirà sempre un accrescimento morale e spirituale, cosicché alla fine “forse ne valeva la pena” (Nonostante tutto).

Credits

Musica e testi di Elisa Rossi, tranne: “Sabbia e neve”, musica e testo Fabio Cinti; “Quel che resta”, musica Elisa Rossi, testo Carlo Volpi.
Produzione artistica, arrangiamenti, mix e master di Fabio Cinti, tranne: “Nonostante tutto”, produzione, arrangiamenti e mix Giovanni Mancini; “Ho ucciso la notte”, arrangiamenti Gabriele Ortenzi e Fabio Cinti; “Oltre il vetro”, supervisione archi Carlo Carcano.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati