I Farewell to Hearth and Home germogliano per un fortunato processo di sedimentazione e accumulazione di musicisti rabdomanti presso la gloriosa Fattoria di Legri.
Le conseguenze musicali di un ensemble così anomalo e popoloso sono state marchiate dalla stampa specializzata più cauta come rassicurante "indie rock".
I recensori più smaliziati e fantasiosi sono arrivati a forgiare la bislacca etichetta di "folk wave agreste".
Nel Dicembre 2012 i Farewell to Hearth and Home vincono una delle più agguerrite ed insidiose finali mai confezionate dal Rock Contest di Controradio.
Da quel momento hanno collezionato una ragguardevole mole di scorribande sui palchi più battaglieri ed intransigenti della Toscana.
Nel 2013 un vigoroso assalto primaverile alle frequenze di Radio Popolare è stato immortalato su disco dalla solerzia di occulti estimatori ed impacchettato nel famigerato bootleg semiuffciale "Excerpts from Patchanka".
L'estate 2015 ha salutato la pubblicazione di "The saddest summer ever known", primo singolo incaricato di anticipare l'uscita dell'album di esordio "Diversions", uscito il 4 Settembre.
I Farewell to Hearth and Home cantano in inglese, ma pensano in italiano.