BIO

Il percorso musicale di Francesca Messina inizia negli anni ’90 come cantante solista dell’ensemble vocale Jubilee Shouters che la porterano ad aprire i concerti per gruppi prestigiosi come Take six, CSI e a partecipare a programmi televisivi Rai e ad incidere l’album Black and Blue per la Sensible record. Successivamente partecipa alla tournée teatrale con il musical Porgy and Bess nei maggiori teatri italiani a fianco di Mauro Grossi.
Dalla fine degli anni ’90 sfrutta le sua voce fluida ed eclettica al servizio del progetto dance Lady Violet per la New Music International arrivando al successo planetario e a vincere il disco d’oro.
Nel 2003 Francesca, nonostante il successo decide di abbandonare il progetto Lady Violet per dedicarsi ad altri interessi artistici ed entra stabilmente come perfomer nella compagnia teatrale Laboratorio 9. Grazie alla collaborazione con Barbara Nativi ha la possibilità di comprendere le dinamiche legate al mondo femminile portate in scena da Marisa Fabbri, Lucia Poli e altre formidabili attrici che ha la fortuna di affiancare.
Nel 2004 partecipa alla Biennale di Venezia come attrice nello spettacolo teatrale “Binario Morto” di Letizia Russo.
Nel 2005 scappa a Roma per qualche anno a studiare doppiaggio con Giorgio Lopez (la voce ufficiale di Dustin Hoffman) e doppia qualche filmetto di serie B.
Nel frattempo si laurea in lettere, suona la chitarra e comincia a scrivere.
Dal 2008 Francesca torna a confrontarsi nuovamente con la musica ma questa volta con un suo progetto artistico scevro dal marketing e dalle imposizioni artistiche. Crea La Materia Strana, trio formato insieme a Massimiliano Lo Sardo e Umberto Bartolini. Pubblicano l’EP Raptus e suonano su diversi importanti palchi italiani dove si rafforza la figura della Messina come songwriter. Viene più volte definita frontwoman “enigmatica, potente e magnetica”.
Ma Francesca insegue un ideale, cerca una musica tutta sua e il 2012 la vede finalmente pronta a lavorare al suo primo lavoro solista: Femina Ridens

Nel marzo del 2013 esce il primo lavoro da solista “Femina Ridens” che viene accolto con con grande entusiasmo dalla stampa e dalle emittenti radiofoniche (RAI e circuito Radio Popolare Network).
Subito dopo inizia un’intensa attività live, partecipando a festival e rassegne culturali anche fuori dal territorio nazionale.
Il 2015 inizia per Femina Ridens con il l’uscita del secondo album “Schiaffi” in uscita il 20 marzo per A Buzz Supreme. Realizzato sempre in compagnia di Massimiliano Lo sardo, “Schiaffi” è stato prodotto anche grazie alla partecipazione di tanti fans che attraverso la piattaforma di Musicraiser sono diventati i co-produttori esecutivi di questo nuovo lavoro.