Figé de mar - La città testo lyric

TESTO

Soltanto tu, lo sai,
da me mi puoi salvare
che questa sera morta
la sto buttando a mare
e questa notte gronda
di stelle rovinate

Per mano mi hai portato
tra le ombre del passato
in centro a fare finta
di perderci davvero
tra vicoli e fantasmi
salite e piazze spente

Semafori incantati
serrande e porte mute
la dissolvenza al nero
della periferia
nient’altro a parte noi
e i nostri passi uguali

La città addormentata
ci ha inghiottito già
e qui nel buio dei suoi angoli
siamo tutti suoi

Il porto illuminato
un fuoco nella notte
la polvere sui fari
e sui nostri pensieri
ruggiscono profonde
le gru monumentali

Chiedevi se soltanto tu
sentivi il nodo in gola
davanti a tutto questo
ti ho presa e con le labbra
ti ho fermato la bocca
facendo in modo che
tu ci leggessi un “no”

La città addormentata
ci ha inghiottito già
e qui nel buio dei suoi angoli
siamo tutti suoi

E quindi sotto il faro
hai detto – guarda indietro
ho visto la città che so
ma come un navigante antico

E ho capito che c’è sempre un punto
da cui ogni cosa è splendida

La città addormentata
ci ha inghiottito già
e qui nel buio dei suoi angoli
siamo suoi

So cos’è che entra da quegli occhi
so com’è che arriva in fondo a te
che in fondo sei fatta come me

CREDITS

Testo: Lorenzo Traggiai Musica: Figé De Mar

PLAYER

Premi play per ascoltare il brano La città di Figé de mar:

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone La città si trova nell'album La città uscito nel 2015.

Copertina dell'album La città, di Figé de mar

---
L'articolo Figé de mar - La città testo lyric di Figé de mar è apparso su Rockit.it il 2017-06-04 10:08:38

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia