Giò DeSfàa e i Fiö de la Serva - Ascolta e Testo Lyrics Nerìn

Brano

00:00
 
00:00

Credits Nerìn

Musicisti aggiunti: Can&Gat Carnvela Band di Stabio - Canton Ticino, Svizzera (la banda del Rabadan)

Testo della canzone

(Testo di Gioele Di Stefano ed Enzo Paolo Semeraro, musica di Gioele Di Stefano)



Seri chi a durmì strava dent' in del lecc
la mia dona con la fevra se lamenta per ul frecc.
Me levi sö incazzà, se pò gnanca durmì
crepa, vegia, i tò lamenti m'han stufì

intant a Cabiè quajvon l'era imbuscà
i èren vesti de verd: i èren quej de la furestàl.
Gh'even mea 'l fusìl, in man dumà quaj bott
i eren drèe a giugà cul pizz, i eren drèe a fa 'n gran casott

i chinghiaj de la furesta i eren tucc cul rafredur
per il sciuur Nerìn l'è 'na manna del Signur.
Bam bam bam! Par la nocc de capudànn.
No, sculta ben l'è 'na banda del Rabadan!

A sentì sti sciupetà i besti g'han pagura
"l'è sciupà' la guerra ciapa 'l fusìl che g'ho premura!"
Via di man a la sua dona, giò de cursa ala finestra
venien giò cume i suldà: i ènn i chinghiaj de la furesta!

Osti Nerin cos'è te cumbinà?
Te sè un assasin, te gh'è cupà 'l cinghiaal
Osti Nerin cos'è te cumbinà?
daam a trà pinin: patirem mai più la fàam

Ul prode Nerìn par Obelix in paradis
"me vegnèn adoss, me vedi già rustì!
I èen tucc a mangià, denta nel mè pràa
i èen anca bei gross su mi cos' a g'hò de fà!"

la bestia nel mirino, l'è prunt per sparà
la sua dona in vestaglia: "ciapa chel lì, ciapa mia chel là!"
"Taas vegia, vedi già la furestàl
va dent e prepara la pulenta che mi g'ho de mazàl!"

Un par de culp' de scià e de là e 'l cinghiàl l'è bel' cupà.
"Vo là, 'l ciapi in spala e sparìss sot al biliard.
Pìchen a la porta i èen già rivà,
Ma mi a cà mia g'he n'ho mia de cinghiaj!"

"Abbiam sentito sparare e ci manca un animale
signor Nerino cacciare di frodo è un reato penale"
"I sàn anca i muur che i cinghiaj i èen tucc malà,
mi g'ho mia sparà...l'è lü che l'è sciupà!"

Osti Nerin cos'è te cumbinà?
Te sè un assasin, te gh'è cupà 'l cinghiaal
Osti Nerin cos'è te cumbinà?
daam a trà pinin: patirem mai più la fàam

---------------------------------------------------------------------

Traduzione - 
Nerino



Ero qui a dormire stravaccato nel mio letto
la mia donna con la febbre si lamenta per il freddo
alzo arrabbiato, non si può nemmeno dormire
crepa, vecchia, i tuoi lamenti mi hanno stufato!

Intanto a Cabiè* qualcuno era imboscato
erano vestiti di verde, erano quelli della Guardia Forestale
non avevano il fucile ma solo qualche petardo
stavano giocando con l'accendino, stavano facendo un gran fracasso

I cinghiali della foresta erano tutti col raffreddore
per il signor Nerino è una manna del Signore
bam bam bam sembra la notte di capodanno
no, ascolta bene è la banda del Rabadan**

A sentire questi spari le bestie han paura
"è scoppiata la guerra, prendi il fucile che ho premura"
lo strappa di mano alla sua donna e di corsa alla finestra
vengono giù come soldati: sono i cinghiali della foresta!

Nerino cos'hai combinato?
Sei un assassino, hai ucciso il cinghiale
Nerino cos'hai combinato?
retta bambino, non patiremo più la fame

Il prode Nerino sembra Obleix in paradiso
"mi vengono addosso, li vedo già arrosto
stanno mangiando tutti nel mio prato
sono anche belli grossi, so io cosa c'è da fare!"

La bestia nel mirino, è pronto per sparare
la sua donna in vestaglia: "prendi quello lì, non prendere quello là"
"taci vecchia che vedo già la forestale
vai dentro e prepara la polenta che io devo ammazzarlo"

Un paio di colpi qui e là e il cinghiale è accoppato
"Vado là, lo prendo in spalla e sparisce sotto il biliardo.
Bussano alla porta, sono già arrivati
ma io a casa mia di cinghiali non ne ho!"

"abbiam sentito sparare e ci manca un animale
signor Nerino cacciare di frodo è un reato penale!!!"
"lo sanno anche i muri che i cinghiali sono tutti malati:
io non gli ho sparato, è lui che è scoppiato!"

Nerino cos'hai combinato?
Sei un assassino, hai ucciso il cinghiale
Nerino cos'hai combinato?
dammi retta bambino, non patiremo più la fame

Album che contiene Nerìn

album Pécc sota 'l técc - Giò DeSfàa e i Fiö de la ServaPécc sota 'l técc
2013 - Cantautore, Rock, Folk
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati