Giò DeSfàa e i Fiö de la Serva - Ascolta e Testo Lyrics Nove anime

Brano

00:00
 
00:00

Testo della canzone

(Testo e Musica di Enzo Paolo Semeraro)

È una notte da lupi c'è tempesta sul mare
e la nella locanda si sente bere e bestemmiare
il porto è deserto, il rum non annega la paura
ma proprio sopra il molo c'è una figura scura.
C'è che dice che è un demonio e vive per il suo dolore,
qualcun altro dice che in petto non gli è mai battuto il cuore,
adesso vi racconto la sua storia vera
quando sventolava alta in mar la sua bandiera.

Era il re dei sette mari e sfidava ogni tempesta
il suo vascello era forte, la bandiera sull'asta
aveva un equipaggio di nove uomini pazzi
andavano all'arrembaggio gridando come matti.
E un giorno all'orizzonte spuntò una nave inglese
elegante bella e forte come una donna cortese
lui la vide e dal timone fece cenno con la testa
la ciurma era già pronta ad uccidere e far festa!

Balzando sopra il ponte fra i colpi delle spade
urlavano e uccidevano gli inglesi sulla nave
e lui, il capitano, scese veloce nella stiva
sorprese un dolce angelo mentre si vestiva.

La guardava come chi non ha mai guardato,
il tesoro perduto che non aveva mai trovato
ma lui di quello scrigno non aveva la chiave
cercò di scassinarlo come sapeva fare
ma il cuor della ragazza non sopportò l'orrore
di sentire dentro se quell'estraneo rancore
sentì la fredda lama sul suo seno spogliato
la strappò di mano svelta al capitano
e veloce uccise il suo cuore rubato,
e veloce si uccise, un fiore calpestato.

Il prode capitano sentì l'abisso del suo cuore
lui che nella vita non conosceva amore
l'equipaggio sentì forte il suo grido di dolore
e tutti furono in preda ad agghiacciante terrore.
Il più grande di loro urlava come la tempesta
non c'era più nessuno a guidar le loro gesta.
Il più forte era caduto e per questo avevan paura
paura della signora così nera, così scura,
attraverso le armi di chi lottava per la vita
li prendeva la morte un tempo cara amica.

Li uccisero tutti non ne restò vivo alcuno
ma in fondo nella stiva ce n'era ancora uno
la spada degli inglesi risparmiò il suo dolore
in modo che vivesse ucciso dal rancore.
Ed adesso ogni notte resta fermo lì sul porto
ed il suo destino si fa sempre più corto
là sull'orizzonte lo aspetta la sua nave
ci sono nome anime che si vogliono vendicare.

Là sull'orizzonte lo aspetta la sua nave
ci sono nome anime che si vogliono vendicare.

Album che contiene Nove anime

album Pécc sota 'l técc - Giò DeSfàa e i Fiö de la ServaPécc sota 'l técc
2013 - Cantautore, Rock, Folk
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati