Leggi la recensione Video in questo album (3)

Descrizione a cura della band

"A long walk" è il nostro primo album. Comprende canzoni composte e registrate lungo tutto questo anno. Si tratta di un percorso sonoro che cerca di far convivere, una affianco all'altra, idee musicali molto differenti tra loro seguendo un tono "comune". Le tematiche da cui prendono spunto i brani sono molteplici, dai fatti di cronaca (Free to go) alla mitologia (Afrodite) fino alla finzione narrativa (Mexican cloud o A day to the lake). La prospettiva di un impatto sonoro forte si unisce alla volontà di non prendere come riferimento schematismi usuali (almeno non in modo diretto e consapevole), nel tentativo di arricchire in modo nuovo il panorama musicale italiano. Tutti i brani sono completamente auto - prodotti, mixati e registrati, con tanta abnegazione ed altrettanta libertà. Il racconto di un sogno pieno di sudore.

Credits

"Frammenti", abbreviazione di "Frammenti di Specchio", oltre ad essere il nostro nome, è la sintesi del nostro rapporto con il reale.
Le nostre canzoni vogliono infatti riflettere sprazzi della nostra universale quotidianità ad ogni spettatore che, libero di lasciarsi trasportare, si reputi pronto ad osservare sfumature (anche di se stesso) senza la volontà di afferrarle con le mani della razionalità, le quali, inevitabilmente, si ferirebbero lungo il bordo d'un pezzo d'esistenza tagliente come uno specchio.
Frammenti è un progetto tutt'altro che neonato: la collaborazione di Alex Michielin, Mauro Serafin ed Antonio Cettolin va ricercata nell'autunno del 2013, all'inizio della loro collaborazione, affiancati da altri artisti che hanno contribuito alla formazione del gruppo.
I brani vennero composti, le parole messe nero su bianco ma tutto restò in sospeso affinchè i tre giunsero ad una svolta: nel settembre 2015 l'inclusione nel progetto del pianista e tastierista Francesco Da Ros. Di lì a poco il progetto prese finalmente forma.
Ora i quattro sono pronti a stupirvi con la loro musica!
I Frammenti in questione sono essenzialmente quattro e, congiunti, formano un gruppo musicale nato come laboratorio dove liberare la propria creatività musicale. Le canzoni, che nascono dall'unione di stimoli diversi, vogliono inserirsi come tradizionale novità in una scena ormai logorata da questi fulmini di successo che non solcano realmente il terreno dell'arte quanto quello del denaro.
Per questo, dopo aver vinto sette dischi di strutto, presenteremo i qui i frutti del nostro lavoro in modo tale che possa essere apprezzato, disprezzato o quanto meno visionato dai principali nostri destinatari: tutti voi.
"Perché realizzare un opera quando è così bello solamente sognarla?"
Perché un sogno esiste solo quando lo si racconta.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati