Francesco di Bella - Ascolta e Testo Lyrics CARCERE

Brano

00:00
 
00:00

Testo della canzone

CARCERE

Stong' accussì e prego a Maronna,
nun sputo 'n cielo ché 'nfaccia me torna.
Pure se canto 'na storia overa
o sto sbaglianno o nisciuno me crede
Dico accussì,pe' nu muorto acciso
piglio trent'anni e nun pozzo campa'?

Chillo era 'o peggio d''o quartiere
sfruttava 'a gente dint' a miseria
Vuttava 'e guagliune a fa scippi e rapine
e pure a vennere l'eroina.
Dicette a me stesso:
 si sai campa', ccà coccosa s'adda fa!

Vierno era friddo, era sabato sera,
stev' parlanno co' Donna Carmela.
Alla 'ntrasatta arriva 'o 'nfamone
ca nun vulette sentì ragione
sbattette 'a porta, pigliaie 'o curtiello
e a Donna Carmela stracciaie 'a vunnella.

Nun dico 'o schifo che me facette,
restai fore 'a porta e nun me ne jette
e quanno 'o 'nfamone fernette 'o servizio
me appriparaje pe' ce fa levà 'o vizio.
Pigliaje 'a catena 'e nu motorino
e m'assettaje là vicino
e quanno 'o 'nfamone ascette da 'a porta
tenette 'o piacere 'e ce presenta'  'a morte!

Nun dicite niente,aggio sbagliato,
je sto 'ngalera e là ce sta n'ato,
ca dint' a miseria fa 'o sciacallo
e niente le dicono 'e marescialli.
Marescialli e guapparia
fanno una sola cunsurtaria
e chi pava 'o debito co' 'a miseria
o more acciso o và 'ngalera!

CARCERE

Sto così e prego la Madonna
Non sputo in cielo ché in faccia mi torna.
Anche se canto una storia vera
o sto sbagliando o nessuno mi crede.
Ma io dico per un morto ammazzato
prendo trent'anni e non posso più vivere ?

Lui era il peggiore del quartiere
sfruttava la gente povera,
spingeva i ragazzi a fare scippi e rapine
e anche a vendere l'eroina.
Dissi a me stesso:
se sai campare,qui qualcosa devi fare!

L'inverno era freddo,era sabato sera,
stavo parlando con Donna Carmela.
All'improvviso arriva quel grande infame
che non volle sentir ragioni,
sbatté la porta e prese il coltello
e a Donna Carmela strappò la gonnella.

Non dico lo schifo che mi fece,
restai fuori la porta e non me ne andai
e quando lo schifoso finì il servizio
mi preparai per fargli togliere il vizio.
Presi la catena di un motorino
e mi sedetti là vicino
e quando l'infame uscì dalla porta
ebbi il piacere di presentargli la morte!

Non dite niente, ho sbagliato,
io sto in galera e lì ce n’è un altro
che nella miseria fa lo sciacallo
e niente gli dicono i marescialli.
Marescialli e guapparia
fanno una sola consorteria
e chi paga il debito con la miseria
o muore ucciso o va in galera.

Album che contiene CARCERE

album Francesco di Bella & Ballads Cafè - Francesco di BellaFrancesco di Bella & Ballads Cafè
2013 - Cantautore La Canzonetta/Sintesi 3000
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati