Meccanica

Meccanica

GINAH

2019 - Strumentale, Progressive, Post-Rock

Descrizione

Questo disco nasce da un esperimento. La nostra sala prove si trova all'interno di una falegnameria, un piccolo spazio che ci siamo ricavati costruendo delle pareti di legno, uno spazio dove ci ammassiamo noi ed il nostro suono. Un giorno ci siamo detti, perchè non portiamo gli strumenti in mezzo alla fabbrica, tra i macchinari per la lavorazione ed il taglio del legno, la verniciatura, le cataste di materia prima, gli aspiratori, gli attrezzi ed i calendari? Ci mettiamo belli larghi, distanti l'uno dall'altro, sfruttiamo lo spazio e liberiamo il suono, lo lasciamo correre per l'ambiente, lo facciamo rimbalzare. Registriamo in presa diretta tutto quello che viene fuori e se ci piace ne facciamo un disco, se no è stato bello lo stesso, almeno per l'esperimento. Così abbiamo fatto, ci è piaciuto il risultato perché ci è sembrato che nella sua semplicità cogliesse l'essenza della musica che suoniamo. Per questo abbiamo deciso di condividerlo in questo lavoro. Speriamo vi piaccia, altrimenti pazienza.
"Meccanica" è un album collegato alle cose terrene, al territorio in cui viviamo perennemente in conflitto tra natura rigogliosa, silenziosa, magica e zone industriali operose, vuote, fredde. Dopo aver immaginato luoghi lontani e forse inesistenti ed aver viaggiato nello spazio ci siamo fermati qui, nei nostri luoghi cercando il semplice, il dettaglio non indispensabile.
youtube.com/watch?v=mgV2Wqt…

Credits

i Ginah sono:
Michele Botteon (chitarra)
Ralph Rosolen (piano, rhodes, synth)
Dario Lot (batteria)

Registrato e prodotto da GINAH, Marco Pagot (Garage Records) e Alessandro Zamuner. Sleeve design ed artwork di Marco Rossetti. Photos di Rudy De Noni e Dario Lot

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia