Accostati spesso ad artisti come James Blake, Bon Iver e Antony and the Johnsons, i Giulia's Mother sono due, Andrea Baileni e Carlo Fasciano.

Andrea Baileni, voce e chitarra (premio ADGPA Miglior Chitarrista Acustico 2013) e Carlo
Fasciano alla batteria pubblicano per INRI, a maggio del 2016, l'album di debutto “Truth” che
riceve consensi unanimi sia da pubblico che critica venendo inserito anche tra i miglior dischi
dell'anno da riviste di settore come Il Mucchio o webzine come Rocklab.
I Giulia's Mother con il primo disco vengono accostati ad artisti quali Bon Iver, James Blake, Antony and the Johnsons.

Il loro suono è caratterizzato da una pedaliera ricca di effetti che armonizza sia le voci che una chitarra acustica artigianale che suona anche come un basso.

Parte dallo stesso mese d'uscita di “Truth” un tour di 60 concerti che vede suonare i Giulia's Mother in Italia, Inghilterra e Scozia partecipando al Fringe Festival di Edimburgo.

A giugno 2017 danno vita al progetto “Oneriver - #seguilazattera”, ossia l'attraversata del fiume
più lungo d'Italia, il Po, per arrivare al mare a bordo di una zattera, costruita dalla stessa band.
6 tappe in 6 giorni dove in ogni tappa si sono presentati alcuni brani del nuovo album “Here” tramite
concerti e registrazioni live dove hanno preso parte anche Dardust e la violoncellista Bea Zanin.

Il 13 Ottobre è in uscita il loro secondo Album “Here” registrato negli Studi Andromeda di Max Casacci
(Subsonica) al quale seguirà un tour per le release nelle principali città italiane