Nel libro “Das Glasperlenspiel” Hermann Hesse ipotizza una società futura in cui musica e letteratura sono arrivate ad un tale grado di sviluppo che l'unica forma d'arte possibile consiste nel mettere in relazione fra loro brani di opere altrui in un esercizio sublime ma sterile che glorifica i frutti del genio umano ma NON ne crea di nuovi. Nel 2001 il NON-musicista R-man S abile e spregiudicato nel taglio e cucito sonoro si imbatte nella NON-cantante Narcisse Goldmouth. Dal loro NON-connubio scaturiscono mille idee irrealizzate e sparute prove d'ingegno...

Ultimi articoli su Glasperlenspiel