Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

Secondo e ultimo capitolo del progetto "Pensavo meglio".
Si tratta di uno split di 4 pezzi che completa la prima parte uscita a settembre 2016.
E' una metà più elettrica, che continua a raccontare la Milano di chi ha passato i 30 con una manciata di canzoni nate tra il Giambellino e la Darsena.
Anche la copertina dialoga con "Pensavo meglio", ci siamo noi che guardiamo dentro il surgelatore come fosse una camera di un film di Tarantino.
Sono 4 pezzi molto onesti, senza troppi giri di parole.
Sono il meglio che siamo riusciti a mettere insieme in 2 anni di prove nella gloriosa saletta di Corso San Gottardo.
C'è Luigi, che è il ragazzo sulla copertina del nostro primo disco "Aventador". E' il nostro amico più stretto e da sempre fan numero uno, si è sparato concerti in cui il pubblico era formato da lui e dal fonico.
C'è il ricordo sbiadito degli attentati di Capaci, quel 1992 che abbiamo vissuto da ragazzini in cui i Nirvana suonavano al Reading.
C'è una storia finita in pezzi (come diceva Sergio Endrigo l'amore felice non si canta).
E alla fine c'è il Taxi, che più che una canzone è un confessionale. Una preghiera che chiude con la zip la prima metà delle nostre vite.
A Milano.

Ciao, speriamo ti piaccia.
Tu vieni ai concerti. Ti aspettiamo lì.

Credits

Il disco è pubblicato e distribuito da THIS IS CORE, 2016

I Gran Rivera sono Daniele, Giacomo, Ottavio e Claudio.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati