i discepoli di Pan - Intestino testo lyric

TESTO

Intestino

Ho fame. Di sapere, il pensiero scardinare
le porte della mente violare
la proprietà privata come un delinquente
generare un sentimento anche atroce
perlomeno di terrore

Rebbi infilzati all’ingiù urla piene di rabbia
dipinte con graffitidi fine anni novanta
avanguardia di paura a dar fiducia nei sorrisi
che affondavano coi denti i lembi alla mia
libera, gratuita, solida, armonica, tacita singolarità

E' un errore condividere il tuo tempo
si fugace ma forte con me dentro

Ora fagocita un mostro astratto dei colori tuoi
e di altri pennellate verso il basso
sintomo di mancamento gonfia bulimico adesso
trascina tutto nei sentieri dell'oblio

E' una bestia è testarda
è intestina fa fatica arranca
ad espeller nelle fogne le carogne
ingrassate da memorie e fantasie

Mi accerto che la terra sia ancora morbida
sopra ciò che è morto e sepolto sono un necrofilo
spero nell’amore il tuo continuo ritorno
cerco dove fondamenta antiche son divenute rovine

Sono solchi pesanti mentre afferro te
che t'aggrappi nelle anse del mio io

PLAYER

Premi play per ascoltare il brano Intestino di i discepoli di Pan:

Questo brano è stato inserito in alcune playlist dagli utenti di Rockit: senza nome (di @djinfernal90 con 498 brani)

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone Intestino si trova nell'album Consommè uscito nel 2017.

Copertina dell'album Consommè, di i discepoli di Pan
Copertina dell'album Consommè, di i discepoli di Pan

---
L'articolo i discepoli di Pan - Intestino testo lyric di i discepoli di Pan è apparso su Rockit.it il 2018-09-02 19:03:37

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia