Leggi la recensione Video in questo album (5)

Descrizione a cura della band

Alla fine dello scorso millennio pubblicavano “Holiday in the universe” accolto con grande entusiasmo da pubblico e critica. Blow Up ''uno dei migliori esempi di drum'n'bass mai prodotto in Italia” Rumore “guarda all'estero senza sussiego” Zero 2 “l'abilità del duo nell'aver creato un sound italiano, proiettato però al di fuori dei confini nazionali” Rocksound “un disco denso di illuminazioni e contaminazioni” queste sono solo alcune delle recensioni, insieme a interviste e a passaggi radiotelevisivi. E rimane indimenticabile l'apertura del concerto di Kruder & Dorfmeister alla Breda Occupata di Milano!!!
Oggi, a distanza di 14 anni, tornano, nel nuovo millennio con un nuovo progetto intitolato SECOND TIME.
Al fondatore storico Marino “Malima” Peiretti, alla chitarra elettrica multiforme, filtrata da una vasta gamma di effetti e manipolazioni che la rendono a tratti irriconoscibile e al lap-Top, si aggiunge, sostituendo il fratello e Dj Gianluca Peiretti, l'eclettico batterista Dario Milan portando l'umano tocco alla sezione ritmica ed è proprio sua l'idea della rinascita del gruppo.
Il sound diviene più elettronico, il suono del nuovo millennio più evidente anche se permane e, anzi, viene enfatizzata la dimensione fisica del suonare con l'interazione delle macchine, in particolar modo nelle situazioni live. Etereo e al contempo concreto, questo nuovo progetto fa del suono stesso la sua forza espressiva e vitale.

Credits

Bonus-track dell'album sarà SP-revo brano downlodabile gratuitamente dal sito della band www.ik14.it e colonna sonora del video-teaser dell'album http://www.youtube.com/watch? v=bjSj9rVTxW8&feature=youtu.be SP-revo sta per Sandro Pertini revolution....
non solo perché fu un uomo-presidente con idee piuttosto chiare... ma perchè la sua rivoluzione partì sotto il fascismo ed arrivò piuttosto lontano... e se fosse stato lui, in questo momento storico, il presidente...avremmo visto quelle scene?...beh, il nostro fotomontaggio storico-temporale non lascia dubbi...basta ascoltare le parole dette, e comprenderne il significato. Domani, cosa ci aspetta?

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati