Il Geometra
Articoli
0
Concerti
0

Descrizione

“Ultimi”è un disco che racconta molte storie differenti accomunate da un trait d'union rappresentato dal tema della sconfitta. Alcuni brani hanno un taglio molto autobiografico e raccontano, in forma lirica, di piccole sconfitte quotidiane o di eventi tali da spezzare la nostra quotidianità provinciale. Altri invece sono calibrati su eventi storici riguardanti il nostro Paese. Personalmente trovo tremendamente affascinante l'Italia della c.d. “prima Repubblica”, provo un'attrazione morbosa per i suoi misteri. Tuttavia disprezzo la retorica con la quale solitamente si parla di questi argomenti e non mi interessava affatto offrire giudizi di valore su personaggi storici di cui si è già parlato molto: al contrario mi interessa la loro umanità, così ad esempio in “Banco Ambrosiano”, che come suggerisce il titolo è dedicata a Roberto Calvi, ho voluto concentrarmi sulla inadeguatezza del soggetto, sul suo essere uomo riservato, chiuso, non adatto a sopportare quel livello di pressione; mi è piaciuto immaginare delle parole distanti che mentalmente inviava a sua moglie, perché per me rimane molto bello che anche personaggi tanto controversi siano comunque in grado di amare. Allo stesso modo “Preghiera rossa” è la storia di un uomo abbandonato dalla sua ragazza che entra nella clandestinità delle Brigate Rosse durante gli anni di piombo; in questo caso non avevo alcun interesse a condannare le B.R o a dare comunque una mia opinione sul punto, mi stimolava invece concentrarmi su quanto le donne siano stigmatizzate più degli uomini quando intraprendono dei percorsi tanto deprecabili, perché così irrinunciabilmente legate alla loro potenziale maternità. Altre canzoni raccontano miei personali piccoli complessi tra cui quello di essere stato da piccolo un calciatore tremendo, ad esempio “Ultimi” parla di un terzo portiere di una squadra giovanile di provincia e di quanto il suo essere totalmente fuori luogo tra i pali della porta si rifletta anche nella sua vita vissuta, di quanto si debba essere folli per accettare un ruolo così scevro da glorificazioni. Dal punto di vista musicale ho scelto di suonare la chitarra acustica in fingerpicking perché il mio mito è sempre stato Mark Knopfler e quindi questo è diventato negli anni il mio modo di suonare; mi piace l'accostamento di questi arpeggi molto serrati, dal sapore abbastanza country/folk, ai campioni di batteria elettronica e ai sintetizzatori. Fondamentale nel dare una giusta declinazione alle nostre idee è stato Stefano Ricco' che è stato direttore artistico del progetto, la sua idea è stata quella di registrare al meglio le chitarre acustiche che era giusto mettere in primo piano, per poi abbinarle a delle voci più aggressive e definite rispetto a quelle che era possibile ascoltare nell'ep. La parte elettronica è stata invece calibrata per “sdrammatizzare” la parte analogica, abbiamo quindi scelto strumenti che risultassero volutamente artificiali per enfatizzare il contrasto tra il legno e le macchine virtuali. Infine ci ha enormemente onorati il cammeo di Ramberto Ciammarughi, uno dei più grandi pianisti italiani, che ha suonato il suo strumento nel brano “Ultimi”.

Credits

Il Geometra - Ultimi (20 Novembre 2015)
Registrato Presso Dudemusic Studio di Correggio
Voce e chitarra: Jacopo Maria Magrini
Voce ed elettroniche: Francesco Bitocchi
Basso: Lorenzo Venanzi
Produzione artistica, registrazione e mixaggio: Stefano Ricco'
Elettroniche: Dj Bart (Alessandro Bartoli); il Geometra
Assistente di studio: Roberto Andreoli

Sito Ufficiale: http://www.ilgeometra.net
Facebook: https://www.facebook.com/ilgeometraband
Twitter: https://twitter.com/IlGeometraBand
Booking: http://www.umasound.com/
Ufficio Stampa: https://www.facebook.com/sbam.Spalancaleportedellamusica
Disponibile su Spotify e iTunes Store

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati