Descrizione

A tre anni di distanza dall’ultimo lavoro, torna una tra la band pioniere dell'indie italiano: INTERCITY. Un collettivo che dal 2009 in avanti ha regalato gemme forse tanto preziose quanto mai abbastanza apprezzate, e che oggi ritorna trovando un panorama indie quasi al suo massimo splendore e lo affronta scegliendo il modo più folle e sconsiderato con un nuovo doppio disco, profondo e ambizioso : " LAGUNA”. Un album che si discosta non poco dal precendete “Amur”, un lavoro ricco e maturo che permette alla band una differente ricerca sonora e un'esplorazione di territori del pop indipendente finora non toccati dal colletivo lacustre. “LAGUNA” è infatti un disco completo, una pubblicazione d’altri tempi, un viaggio lirico e sonoro lungo 22 episodi.
I respiri classici del pianoforte, del violino e del trombone, incontrano la modernità elettronica del synth e della drum machine, e vengono portati per mano dagli immancabili basso e chitarra. Una voce sognante, un poster di immagini evocative e fotografiche, una maniaca cura dei suoni fanno di “LAGUNA” una sfida importante, un'idea folle e romantica, ma soprattutto un disco pieno zeppo di belle canzoni.

I singoli “ Zenith”, cavalcata spaziale con un ritornello appiccicoso, la sfuggente “ Un Poster”, la psicopatica e claustrofobica “ Joshua” con la sua elettronica glaciale, la dance ballad “ L’Indiano”, canzone d’amore calda e sintetica, " Veracruz” la piccola hit dal sapore estivo, ma ancora la dirompente opening track “ Notturno”, e ancora “ Le piante di canapa” perfect pop song, la suite prog di “ Sweet panda”, proseguendo con “ Limbo” ballad malinconica e preziosa come un diamante. Questi sono solo alcuni dei brani, usciti in anteprima, che insieme al resto del materiale, fanno di “LAGUNA” un disco robusto, ma al contempo snello, complesso, ma facile da ascoltare.

Il disco esce ufficialmente venerdì 31 Agosto in tutti i digital store.

LABEL: DIschirotti. / Orso polare dischi
DISTRIBUZIONE: Artist First

Credits

Fabio Campetti: Voce
Michele Campetti: Chitarre
Paolo Comini: Basso, synth
Riccardo Taglietti: Batterie

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia