Le Capre a Sonagli - Nel bene o nel male, siamo delle capre Intervista

Le Capre a SonagliLe Capre a Sonagli
12/10/2015 di

Il flirt di Rockit con Le Capre a Sonagli è di lungo corso: "Sadicapra", il disco del 2012, ci aveva affascinati tantissimo, mentre "Il fauno" è stato disco del giorno e ci ha convinti definitivamente che ci trovavamo davanti a un caso praticamente unico in Italia, stilisticamente, timbricamente e narrativamente, tant'è che nel 2015 li abbiamo voluti sul palco della Collinetta di Jack al MI AMI. Tra animali, superalcolici, morte, rumori e suggestioni, Le Capre a Sonagli fanno quello che gli pare, teste dure come dei caproni. Per suggellare la fine del tour estivo e l'inizio di quello invernale, oggi regalano in free download "Il fauno" e ci raccontano in questa intervista come si fa a entrare nel loro folle mondo.

Quest’estate avete suonato a diversi dei festival italiani più importanti, dal MI AMI allo Sherwood di Padova, fino alla Repubblica Indipendente di Lu. Siete contenti di com’è andata?
Assolutamente. Credo tu abbia citato i tre concerti che più hanno caratterizzato la nostra estate, insieme forse anche al Forest. Erano dei palchi veramente importanti, siamo arrivati belli carichi e abbiamo trovato un ambiente veramente ospitale, dagli organizzatori, ai tecnici, alle band con cui abbiamo suonato. Questo ci ha un po’ ci ha sorpresi e ci ha fatto vivere davvero con tranquillità quest’estate e questi palchi. Tendenzialmente lo siamo sempre, ma questo ha aiutato ancora di più.

Qual è la cosa più assurda che vi è successa durante questo tour?
Beppe:
Io una volta mi sono ritrovato il bassista a cavalcioni sulla testa e anziché spingerlo per terra ho cercato di andare avanti a suonare con lui in groppa.
Tutti (ridono): Il bassista fantino voleva indirizzare Beppe come un cavallo verso il microfono, tirandolo per i capelli. Tipo "Ratatouille". Questa è stata una cosa incredibile e spontanea.

Parliamo un po’ del vostro ultimo disco, "Il Fauno". Ragli, lische di pesce, teste che rotolano e fiumi di gin: i vostri scenari sono sempre un po’ pirateschi e deliranti, pieni di riferimenti fantastici. Come siete arrivati a un immaginario di questo tipo?
Tramite suggestioni. La parte musicale nasce grazie a suggestioni, quindi a viaggi mentali e situazioni completamente virtuali e surreali. Così anche i testi e la parte vocale, che non è altro che uno strumento in più con però il potere delle parole di indirizzare meglio l’ascoltatore verso lo scenario che abbiamo creato. Nella nostra testa c’è un’immagine da descrivere con suoni e liriche vocali. L’immagine è il punto di partenza.

Rispetto al precedente "Sadicapra" (2012), ne “Il Fauno” è possibile sentire uno sviluppo molto grosso. Già al tempo la promessa era molto interessante, ora però l’elaborazione è molto più completa. Le vostre sonorità sono sempre molto sporche e si sente che vi muovete come vi pare, paradossalmente però si percepiscono anche una cura e una completezza maggiori. Siete d’accordo?
È un album più maturo, tridimensionale. Nasce dall’esperienza di "Sadicapra", che sicuramente ha sancito un po’ l’inizio di questo genere, ma è molto, molto più maturo. In giro trovo molte persone che lo dicono e mi fa piacere che anche tu lo abbia capito. Noto che molti apprezzano di più "Sadicapra", magari perché aveva più singoli e brani un po’ più diretti. "Il Fauno" invece è molto unitario, quindi bisogna avere la pazienza di assimilarlo bene perché dia quel qualcosa in più rispetto al lavoro precedente. Di questo siamo convinti.

“Il Fauno” nasce accompagnato da un mediometraggio, prodotto da tutti voi e realizzato concretamente dall'illustratore Dulco Mazzoleni e da Enrico. Da cosa è nata la voglia di sperimentare con un mezzo anche visivo? Proprio prima parlavamo delle immagini nella vostra testa. Come mai adesso la spinta era così forte?
Siamo dell’idea che ogni lavoro debba essere reinterpretato da chi lo ascolta, dunque la nostra era, ed è, un’interpretazione del disco tra le tante possibili. Volevamo però suggellare questa nostra interpretazione attraverso un video, per dare più concretezza alle immagini che ci avevano suggestionato durante la scrittura del disco. Questo anche perché non lo avevamo mai fatto e non sapevamo il lavoro che c’era dietro. Non a caso, Enrico non è qui perché è a lavorare incatenato. A parte gli scherzi, è un lavoro che porta via molto molto molto tempo, nato all’inizio anche un po’ come un gioco. C’era questa voglia di raddoppiare, in un’ottica di sperimentazione.

Il protagonista del mediometraggio è un koala di nome Joe Koala. Perché delle capre hanno scelto un koala?Stefano: Durante una prova del primo brano del disco, che non abbiamo mai incluso tra i pezzi, io avevo improvvisato una linea vocale di suoni senza senso e sembrava che stessi dicendo Joe Koala. Il nostro bassista ha anche aperto un locale a cui ha dato questo nome, ci eravamo affezionati.

A proposito della voglia di sperimentare di cui parlavamo prima, facciamo un passo indietro. Già con il progetto che ha preceduto le Capre a Sonagli, Mercuryo Cromo, avevate ottenuto diversi risultati apprezzabili. Ma è soprattutto come Capre che avete ricevuto i riscontri più entusiastici. Secondo voi è stato virare verso una maggiore sperimentazione che vi ha portati a questi risultati?
Assolutamente sì. Va premesso che erano due progetti quasi paralleli. In realtà, quello da Mercuryo Cromo a Capre a Sonagli più che un passaggio è stato un punto a capo, una nuova partenza. L’ingresso del quarto elemento, Giuseppe, è stato un motivo in più per partire con qualcosa di totalmente nuovo, più sperimentale, senza limiti dettati da cliché. L’ultima esperienza in studio dei Mercuryo Cromo è avvenuta in quello che è forse lo studio di ripresa più bello di tutta Bergamo, con uno dei fonici più preparati di tutta Bergamo. E sai cosa abbiamo fatto poi? L’album dopo, che è l’omonimo “Le Capre a Sonagli”, l’abbiamo registrato con una scheda audio a otto ingressi in saletta da noi, come delle pre-produzioni. Volevamo un disco veramente senza compromessi.
Beppe: Quando abbiamo iniziato a suonare insieme loro mi hanno detto "Sai che c'è? Da oggi facciamo quel cazzo che vogliamo noi, punto." E quel "punto" è una motivazione forte a priori. Da oggi si fa quello che ci gira in testa senza se, senza ma, senza "devi fare così". Questo è secondo me il punto di forza delle Capre a Sonagli, indipendentemente da tutto e da tutti ragionano e fanno le cose come vogliono loro. Nel bene e nel male, siamo capre.

Un tema che indubbiamente è evocato frequentemente in tutti i vostri lavori è quello della morte. Penso ad esempio a “La triste mazurca della morte” e “Elefante” o ad altri riferimenti più o meno espliciti nei testi. A cosa è legato questo ricorrere?
A noi piace essere ironici. Nell’ironia però va bene far sorridere ma è necessario anche essere un po' tetri, direi grotteschi. Secondo noi c'è una linea sottile tra una cosa geniale e una grande boiata e il grottesco ci aiuta a viaggiare su questa linea, quindi troviamo affascinante giocare su questi contesti. Nominare spesso una parola tetra come la morte, e con essa con tutte le ambientazioni che ne conseguono, però farlo in modo grottesco. È qualcosa che rappresenta bene gli scenari che abbiamo in mente. Hai menzionato “La triste mazurca della morte”, che è un brano in cui ci immaginiamo una vecchia pazza che perseguita la gente in processione al suo funerale. Assurda come scena. L’assurdo è qualcosa che ci attira parecchio.

Anche la sete è un tema frequente. Spesso nei vostri pezzi appaiono gin o altre bevande, solitamente sempre molto forti.
Indubbiamente l’alcool c’è. Aiuta l’ascolto e la psichedelia, ma è anche e soprattutto un elemento di disturbo. Quindi ci piace molto.

Quando vi ho chiesto di Joe Koala mi avete menzionato una linea vocale improvvisata. Come nascono i vostri pezzi? Ci lavorate insieme, nascono da jam oppure sono progettati a tavolino?
Stefano: Dai diciamolo... Le jam non si possono sentire! (ridono). Poi chiaro, ognuno compone come meglio crede. Personalmente io porto un’idea e delle linee, poi la si sviluppa insieme. Tipicamente è il lavoro studiato a casa, a tavolino, perdendoci giorni, ore, settimane, mesi. Il lavoro di scrematura è già alla base. Quando però decidiamo di portare fuori il pezzo è già qualcosa che sappiamo ci porterà da qualche parte. Ognuno è fondamentale in questo processo. Io poi molto spesso sono molto, molto crudele con quello che faccio. Matteo resuscita brani che io davo per morti, li tira fuori e magari ne facciamo una reinterpretazione.

Nella vostra musica sono stati trovati rimandi a diversi altri artisti, da Tom Waits a Capossela. Sicuramente in fase di composizione ognuno di voi porta riferimenti musicali personali e differenti. A livello di band quali sono i maggiori?
Credo che i riferimenti siano più ampi di quello che noi stessi pensiamo. Tutti sappiamo apprezzare ciò che è fatto bene nella musica. Sicuramente Capossela lo si è ascoltato, così come i Giganti, i Primus... C'è stata una fase in cui ascoltavamo di più i radiofonicissimi Blur oppure i Gorillaz, fino a cose più particolari e sconosciute. I riferimenti che hai detto comunque sono giusti.

Domanda banale ma inevitabile: da dove nasce il vostro nome?
Beppe:
 Quando ce lo chiedono iniziamo sempre a rispondere dicendo che abbiamo rischiato di chiamarci “Le Banane da Frigo”. In una sera di bagordi i nostri hanno sparato un po’ di nomi ed è emersa anche questa figura della capra a sonagli. Tutti sono tornati a casa con la testa un po’ balorda, ma il fantasma di questa capra echeggiava nelle loro teste. E quindi il giorno dopo ci siamo ritrovati e non siamo stati noi a scegliere il nome, ma il nome a scegliere noi. Quindi Banane da Frigo è ancora libero.

Quali sono adesso i vostri progetti per il futuro?
"Il Fauno" è stato presentato a marzo di quest’anno e ne porteremo avanti il tour sicuramente fino a fine estate 2016. Da un paio di settimane abbiamo anche avuto la fortuna di entrare a far parte di un booking importante a livello nazionale, cioè Antenna Music Factory. Con il loro ottimo lavoro contiamo quindi di portare l’album dove ancora non lo abbiamo portato. A ottobre l’album sarà in free download proprio su Rockit e nell’estivo rilanceremo tutto il mediometraggio, quindi un video formato da tutti i brani messi insieme, per rivivere il disco tutto d’un fiato.

E la soddisfazione più grande finora?
(Ci pensano un po') Il concerto allo Sherwood. La cosa bella è stata la mole di gente, che in realtà era presente per i Verdena ma ha assistito al nostro concerto con calore, attenzione e supporto inaspettati, sia durante che dopo il live. Senti che non sei sul palco da solo e questo vuol dire che stai facendo le cose in un determinato modo, che in ogni caso arriva. Però insomma, è ancora lunga. E noi abbiamo voglia di darci ancora dentro come dei matti.

Tag: free download

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati