Qualche domanda a generic animal, il progetto solista di Luca dei Leute Intervista

Generic AnimalGeneric Animal
30/11/2017 di

Il suo brano d'esordio "Broncio" ha colpito subito nel segno: Generic Animal, progetto dietro al quale si cela Luca Galizia, già chitarrista dei Leute, è diventato un nome sul quale puntare nel prossimo 2018. I testi, scritti da Jacopo Lietti dei Fine Before you came lasciano presagire il meglio, e noi non vediamo l'ora di vederlo sul palco della nostra festa #Rockit20 all'Apollo Club di Milano il 30 novembre.

Come è nato il progetto? E come mai la scelta di questo nome d’arte?
Il progetto è nato per gioco. La prima canzone che ho scritto è "Broncio". L'ho lasciata lì per un po' di mesi. Dopo tanto tempo che non ci mettevo le mani sono andato a rileggermi il messaggio di Jacopo in cui c'era tutto il testo, ho aperto Garageband sull'iPhone e ho registrato. Tutto al momento con una chitarra classica che avevo a casa di mia mamma. Il nome è nato da un piccolo disegnino di un animaletto che avevo fatto qualche anno fa, un animale senza sesso, senza specie, che sembra un cane ma non lo è. Non c'è nessun vero motivo, mi piaceva e basta e piaceva a tutti i miei amici.

Ti chiami Generic Animal, ma il tuo primo singolo "Broncio" ha una personalità ben precisa, particolare, tutto fuorché generica. Sembra un pezzo indie-pop misto a jazz, cantato da un soulman. Quali sono le tue influenze?
Mi piacciono molto la musica emo e l'hip hop. A volte ascolto ancora i My Chemical Romance

00:00
 
00:00

 

Come hai lavorato sui testi di Lietti? Sono nati prima o dopo la parte musicale? 
I testi di Jacopo sono nati tutti prima della parte musicale. Via via che me li mandava io ci lavoravo. Per alcune canzoni ho ripescato idee musicali che avevo scartato in passato, cose a cui non avevo mai dato una forma e le ho adattate ai suoi testi con delle metriche mie.  

Vi siete incontrati durante la lavorazione?
Mentre stavo scrivendo le canzoni mai, ci sentivamo via Whatsapp. Poi una sera è venuto in studio a cantare un pezzo.

Sei intervenuto sui testi o li hai lasciati esattamente come te li aveva inviati?
Diciamo che in alcuni ho tagliato alcune parole che mi erano scomode nello stendere la metrica e la melodia, ma di base sono tutti come mi sono stati inviati.

Quanto resta della tua esperienza di chitarrista in una band? Come mai hai scelto la via solista?
Ancora non so cosa farò in generale e dove mi porterà questa scelta musicale, ma sono preso bene. Volevo provare per una volta a fare qualcosa che fosse tutto mio in una lingua che non avevo ancora mai approcciato nella musica. 

Quando uscirà l’album? Hai in programmazione un tour?
L'album uscirà il 19 gennaio e poi si vedrà.

Tag: intervista

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati