Leggi la recensione

Descrizione

“QUEL BREVISSIMO ISTANTE IN CUI TI MANCHI” è l’attimo in cui ti risvegli e prendi coscienza di essere sull’orlo del baratro.
Un momento di lucidità nella follia o un momento di follia in un eterna lucidità. La presa di coscienza di ciò che si sta facendo in stato di incoscienza o di tilt emotivo. Un istante indefinito, brevissimo per definizione, ma non quantificabile nel tempo che viviamo giornalmente perché il tempo dettato dai sentimenti e dagli stati emotivi non è quantificabile. Attimi che sembrano vite e vite che volano in un attimo fino al momento in cui ciò che siamo nel nostro animo più profondo, non ci viene a mancare. Fino a quando non percepiamo un assoluto bisogno di rimediare a ciò che ha provocato lo strappo con noi stessi.
E’ l’istante in cui si decide il tuo prossimo percorso, la tua distruzione, la tua salvezza. L’attimo in cui, per esempio, ti stai per bucare e un’immagine di ciò che eri, della tua estrema innocenza, dell’ ultimo angolo di purezza che ti è rimasto, blocca la punta dell’ago sulla cute, congelando quel momento in una tempesta dell’anima. Non esistono regole scritte e non è questione di fare la cosa giusta sbagliata, ma di prendere o non prendere la strada verso cui stai per incamminarti.
L’istante in cui ti fermi al bivio tra la tua innocenza e la corruzione, tra un nuovo inizio ed un’ultima fine. Un’istante che disegna il tuo cammino fino ad un nuovo brevissimo istante in cui ti manchi, se mai ti ricapiterà.
Tanti sono gli stati gli istanti, più o meno brevi, che durante questi 4 anni ci hanno portato a intraprendere strade. Non siamo capaci di giudicarli, ci è solo concesso riconoscere quelli più vicini e sperare che ci abbiano indirizzato verso percorsi non accidentati.
Proprio la speranza è uno dei temi affrontati nei testi.
Una speranza debole seppur viva. Una speranza che si manca, illusa dal tradimento, dall’abbandono immotivato di persone che credevi care, dal loro giudizio, dall’esclusione, dalla paura di fallire.
L’album apre con VIBRA, un inno alla speranza e alla musica e chiude con RIFLESSI NEL GHIACCIO, un inno all’amore, alla sempre più difficile costruzione dei rapporti tra esseri viventi.
La scelta del titolo non vuole essere in contrapposizione con la scelta di un doppio album con 2 ore e 10 minuti di musica. Come spiegato un “brevissimo istante” non ha tempo calcolato/calcolabile. E’ uno stato dell’anima che si perpetua in un tempo “X” che ognuno di noi vive come una “eterna frazione di secondo” e che ognuno di noi percepisce a modo suo.
Ciò vuol dire che 2 ore, si possono considerare “un brevissimo istante” nell’arco di una vita.
120 minuti che sono la somma di tutti i brevissimi istanti in cui ci siamo mancati da quando abbiamo chiuso “malelieve”.
Questo è stato uno dei motivi che ci ha spinto a mettere tutti i pezzi concepiti durante questo periodo in un solo album. Altro motivo, ma non secondario, riguarda il fatto che abbiamo ritenuto più onesto azzardare una proposta così impegnativa, seppur variegata, anziché adottare la filosofia tanto in voga della “musica fast food” e dei mini EP ogni 6 mesi per poter sempre generare informazioni telematiche virali che spostino l’attenzione sulla entità-band piuttosto che sui suoi contenuti.
L’estrema versatilità di Alessandro, chitarrista che ha sostituito Sergio alla fine del 2012, ci ha consentito di sviluppare questo doppio album (che non è un concept) con uno spettro espressivo molto più ampio rispetto a “malelieve”, pur conservandone la vena malinconica. Maggiore importanza è stata attribuita alla costruzione delle linee vocali e agli arrangiamenti e così come “malielieve” apre con un tema che si allaccia all’ultima canzone di “Respiri e Sospiri” (l’arpeggio di apertura di LONTANO DAGLI OCCHI è lo stesso con cui si chiude il brano COLLASSO), in “Quel brevissimo istante in cui ti manchi” la canzone di apertura, VIBRA, apre con il riff con cui si chiude l’ultimo brano di “malelieve”, LA+MA.
Inoltre il brano strumentale “L’invenzione della verità” (traccia 4 di MALELIEVE) è stato riarrangiato ed è diventato “NUOVE INVENZIONI”. Stessa formula adottata per “MOLESTIA” (presente in RESPIRI E SOSPIRI) diventato “MOLESTIE” in MALELIEVE.

Credits

Quel brevissimo istante in cui ti manchi

(RIFF RECORDS / GOODFELLAS, 2014)

Registrato al TRAI STUDIO (Inzago, MI) e al @SEMTHEPIROVANO STUDIO (Missaglia, LC) tra ottobre 2013 e Maggio 2014

Mix di Fabio Intraina e Simone Pirovano

Mastering di Maurizio Giannotti. NEWMASTERING BIPS STUDIO (Milano) nel Giugno 2014.

Direzione artistica: judA

Prodotto da: judA e RIFF RECORDS

Distribuito da: GOODFELLAS
Assistenti di studio: Mauro Maccarini


CD1.

01.Vibra

02. Isolamento

03. Nel deserto
04. Aquiloni a Nord

05. Ars oblivionis

06. Fiele

07. 100

08. Di stomaco

09. Del buio

10. L’eleganza dei pensieri semplici

CD2.
01. Nuove invenzioni

02. Il coma della ragione

03. L’inferno e il cristallo

04. Yakamoz

05. Quasi smetto

06. Riflessi nel ghiaccio


CD Bonus Track. Agricoltore



Musiche di Marco Antoci D’Agostino, Alessandro Denti e Alberto Mangili eccetto

“Quasi smetto”: Alessandro Denti.

“L’eleganza dei pensieri semplici”: Marco Antoci D’Agostino.

“Aquiloni a Nord”: Alberto Mangili.

“Isolamento”, “Cento”, “Del buio”, “Il coma della ragione”: Marco Antoci D’Agostino, Alessandro Denti, Alberto Mangili e Sergio Fossati


Testi di Marco Antoci D’Agostino eccetto
“L’eleganza dei pensieri semplici”: Marco Antoci D’Agostino e Laura Spada.

“Il coma della ragione”: Daniel Pennac.

A
arrangiamenti di judA, Francesco Saverio Gliozzi e Alberto Freddi



Artwork di Letizia Rella

Foto di Carlo De Filippo. flickr.com/photos/carlodefilippo;

Foto centrale di Andrea Caristo (tratta da EL VIAJE).

Ospiti speciali:

Laura Spada (PSYCHOVOX) - Voce
Alberto Freddi (ELAFLEIN) - Violino

Francesco Saverio Gliozzi - Violoncello

Alessandro Gambardella – Voce narrante in “Il coma della ragione”

.judA.

Marco Antoci D’Agostino - basso . voce . chitarra acustica

Alessandro Denti - chitarra . chitarra acustica . synth

Alberto Mangili - batteria . batteria elettronica . piano

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati