un tizio - Ascolta e Testo Lyrics peter schmeichel, marte e venere

Brano

Testo della canzone

occhiali appannati quando torno
a casa la sera e fuori c'è la siberia
home home again i like to be here when i can
però mi manchi, per cui prendo il treno e arrivo in un baleno

perché trenitalia ha ripreso a funzionare
come quando c'era quello che è finito a penzolare
chi l'avrebbe mai detto che sarebbe successo
della danimarca a euro 92 dicevano lo stesso

come te, che sei saltata fuori
da un uovo di pasqua ad un matrimonio ebreo
io sono peter schmeichel
e tu il mio vaso da notte europeo


occhiali appannati quando beviamo il thè
della landa di albione, con una fetta di limone
andiamo alla cassa, litighiamo per pagare
vinco io come sempre, usciamo a fumare

non so se è colpa del sonno o del mio strabismo di venere
ma mi son trovato la felpa tutta lurida di cenere
non guardarmi così, lo sai che non so fumare
lancerò la moda del toscano acceso male

farò buon viso a cattivo gioco
a te che mi prendi in giro perché non so usare il fuoco
perché se è vero che anche l'occhio vuole la sua parte
io per te farei la guerra come marte


peter schmeichel mars and venus turn man into an ashtray


occhiali appannati quando mi baci
al posto di dirmi qualche cosa tipo "taci"
perché tendo a rovinare meravigliosi istanti
con aneddoti dementi e frasi imbarazzanti

non capisci che è il mio modo di essere romantico
onanista, assai maldestro, costeggiando un po' il patetico
il romanzo è sempre quello, nauseabondo e stantio
io sarò sdolcinato, sì, però a modo mio

per cui non ti lamentare se
quando vuoi che ti baci, in fronte o sulla bocca
io lo faccia solamente alla fine
di una lunga ed inutile camminata sciocca


my hovercraft is full of eels

Album che contiene peter schmeichel, marte e venere

album intermezzo - un tiziointermezzo
2015 - Pop, Lo-Fi, Cantautore
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati