Disco del giorno
album Stars Behind The Sun - kkd music & video
Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

Il gruppo si forma nel 1979 con l'intento di coniugare musica con sperimentazioni sonore e visive.
Nel 1983 due pezzi dei KKD vengono pubblicati nell'ormai mitica compilation "First relation" edita dalla Mask Productions .Il gruppo si iberna nel 1984, per poi scongelarsi nel 2014 sull'onda dell'interesse ridestato per la scena new wave-minimal Synth , infatti nello stesso anno il duo Berlinese dei Daybed incide una cover di " And Your Mind" Brano che viene pubblicato nell'album Weird Sailing in aprile del 2015 (http://www.musicaalternativa.es/daybed-weird-sailing/)
Infine l'etichetta indipendente Rave Up ci contatta per ristampare i pezzi inediti di allora.
Fortunatamente il vecchio registratore 4 piste a bobine ed i nastri sono ancora in nostro possesso, così grazie ad un delicato lavoro di digitalizzazione e mastering recuperiamo 14 brani.
Il mixaggio finale viene eseguito in analogico a Roma a cura della Rave Up.
Quindi tutti i pezzi presenti sul disco sono originali degli anni 1979-83 registrati nella sala prove-studio-garage in cui ci si ritrovava a suonare ed autoprodotti, ripassati ora in studio di registrazione per poterne aumentare la dinamica e toglierne i fruscii.
Proseguendo con la propria inclinazione artistico musicale i KKD stanno collaborando con noti Artisti italiani che si sono impegnati a visualizzare la musica dei KKD.
https://www.youtube.com/watch?v=8PVX0uANQQI&feature=share
https://www.youtube.com/watch?v=h7_uKVLKwtM&feature=share

Credits

KKD Formazione:
Alessandro Molinari: Voce, Chitarra e Basso
GianCarlo Vitali: Sax e Tastiere
Guido Molinari: Tastiere eBasso
Loris Barbi: Voce e Programmazioni
.
Il disco è uscito a fine novembre 2015 edito in 400 copie solo in vinile di cui 200 in vinile rossa
per la Rave UP - Synthetic Shadows records Roma.

Commenti (2)

Carica commenti più vecchi
  • kkdmusic 06/12/2015 ore 16:03 @kkdmusic

    Commento vuoto, consideralo un mi piace!

  • GGGG 08/01/2016 ore 13:19 @GGGG

    ....ho ascoltato il disco, davvero molto interessante.... attuale, paradossalmente più di quanto non potesse esserlo nei primi '80 (al di la di un filo conduttore con la trilogia dark dei Cure, alcune sperimentazioni del primo Mike Oldfield -il più elettronico- ed echi di produzioni mai sufficientemente valorizzate dei Depeche Mode)... non è che questi ragazzi stanno pensando di rimettersi in qualche modo sul pezzo? sarebbe un piacere...

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati