< PRECEDENTE <
album Rough Romances KROS

KROS Rough Romances

compra

2019 - Rock, Indie, Alternativo

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Leggi la recensione Video in questo album (3)

Descrizione a cura della band

Rough Romances è un’Odissea interiore, l’introspezione estrema di una mente che non riesce a trovare pace, l’incessante viaggio di un uomo che non può distinguere realtà e immaginazione; è la battaglia quotidiana con il nemico più temibile: noi stessi. E’ la crescita personale della consapevolezza di se, di un uomo che scavando nel suo profondo ha cambiato la sua visione del mondo e della vita, di una persona spezzata in tanti piccoli pezzi incompatibili.
Ci ritroviamo al centro della scena, brancolanti nel buio alla ricerca di una luce da accendere per smascherare il vero artefice dei nostri disagi e delle nostre ansie; una volta intravista l’entità nell’oscurità più completa inizia il confronto.
E’ proprio qui che si accende improvvisamente una luce dolce e appare tutto chiaro: il dialogo che si apre nel momento in cui ci introduciamo nel profondo di noi stessi ha un contrastante sapore amaro e dolce, un’incoerente razionalità irrazionale. Cominciamo ad essere consapevoli di un concetto: forse la logica non basta più a capire quello che sta succedendo, forse stiamo impazzendo.
Sentiamo freddo, ci stiamo distaccando dal calore della vita e proviamo conforto e calore nelle parole del Creatore; è forse questo il segreto? La nostra insoddisfabile esistenza, come la vita stessa, è solo una cena?
Non riusciamo a soddisfazione le nostre aspettative nel mondo; vogliamo addormentarci e non svegliarci più, questa è la sensazione che vogliamo provare, ma sarà forse la soluzione? Si diffonde un coro soave nell’aria cantare ninne nanne, sono le voci di quelli che sono andati fino in fondo. Ma cosa ci aspetta dopo la morte? Sarà forse questa la soluzione?
Siamo razionali e irrazionali, materiali e immateriali, e dovremo convivere con tutte le parti di noi, tanto magnifiche quanto contradditorie come l’autunno: una miriade di colori splendenti che preannunciano l’ibernazione e la monocromia invernale.

Credits

Giulio Davide Frugoni: vocals; electric guitars; acoustic guitars
Francesco Gnali: bass; keyboards; synths; electric guitars; backing vocals
Simone Gnali: drums; bass; acoustic guitars; backing vocals

Produced, recorded and mixed by Alessio Lonati and Bruno Barcella at the TUP Studio
Mastered by Lorenzo Caperchi at the TUP Studio

Graphics and artwork by Cacao Prod.

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Pannello

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani