Tracklist

00:00
 
00:00
Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

Si potrebbe parlare di costellazioni sonore con i riferimenti di stelle e pianeti e galassie quali autori originali, generi e tradizioni musicali differenti.
Disegnando questa mappa si potranno focalizzare elementi a volte lontanissimi ma qui coagulati dalla sensibilità creativa di Gianluca Tartaglia (autore di testi e molte musiche) che si concretizza in forma di canzone artistica raramente pop (potremmo definirle NU-SONG, ARTY SONG, HAIKU SONG o ATTIMI PARADOSSI) che è anche il filtro attivo e partecipe, nella fase di arrangiamento di Massimo Balestieri e Raffaele Vincenti.
Il clima dominante è quello della notte o del movimento attraverso gli elementi di aria e acqua ma anche dei grandi spazi.
Il movimento in verticale senza piedi a terra e follia delle necessità quotidiane… sopra le nuvole a 1400 metri da Dio o strisciante informe in città che non esistono o danzanti su pianeti irraggiungibili.
Intanto gira la ruota e la gente più o meno sta… resta una spinta inconscia forte e vitale una essenza aperta alla VARIABILITA’ come Categoria o addirittura esercizio di sopravvivenza fuori di ogni stile.
Le strutture musicalmente stratificate e ritmicamente serrate evolvono attraverso dinamiche utili all’espressività del testo spesso basato su un immagine, una frase, un haiku appunto di un equilibrio precario interno unico.

Credits

INFLUENZE E ORIENTAMENTO MUSICALE DEL GRUPPO:
Atmosfere e spunti dei misteri jazz: MONK, SUN RA, COLTRANE ma anche SWING e TOM WAITS
Il filtro delle musiche della formazione del giovane musicista: il dub reggae dei CLASH - gli incastri delle chitarre ritmiche dei TALKING HEADS - le atmosfere notturne e vissute dei TUXEDOMOON – JOY DIVISION
Le musiche della liberazione dai generi: le musiche innovative e il rock eterodosso della Recommended (ENSEMBLE RAYE’, SKELETON CREW, BOB DRAKE)
Gruppi e cantanti italiani preferiti: CONFUSIONAL QUARTET, GRONGE, DE ANDRE’.

BIOGRAFIA/DISCOGRAFIA:
Il gruppo nasce a Pesaro intorno al 2005 e nel 2007 pubblica col nome di Giacomo Bianco il suo primo CD autoprodotto, “Figli di un Supermercato”.
Nel 2009 esce su Papalagi Records “Scomunica Laica” e la band si esibisce in diversi live tra Pesaro, Roma e riviera adriatica in luoghi anomali (librerie, negozi di dischi, pasticcerie) e locali tradizionali.
Partecipa nel 2010 e nel 2012 al live radiofonico in diretta a Radio Popolare Roma.
Suona di supporto a Sparklehorse al Circolo degli Artisti (Roma) nel Dicembre 2009 e a Mark Snarski (ex Triffids) e Mick Harvey (ex Birthday Party/ Nick Cave and the Bad Seeds) all’Init (Roma) nel 2010.
Come Papalagi Hibakusha insieme alla cantattrice Donatella Tonini pubblicano nel 2008 il CD contenente le musiche per l’omonimo spettacolo teatrale scritto da Noemi Rinolfi e messo in scena dalla compagnia Artirandage/Handicapearte, che lavora assieme ad attori portatori di handicap.
Come Giacomo e Gustavo Bianco (il duo composto da Massimo Balestieri e Gianluca Tartaglia) registrano “Live al Club L’8” nel 2010
Nel 2011 Giacomo Bianco diventa La Categoria dei Pesi Variabili e registra l’album “Canzoni in movimento, quasi d’amore, senza parole, altrui, dedicate e processuali”.
Da questo cd il regista/videomaker Mauro Santini ha realizzato due video per le canzoni “ Lisbona maggio 1989” e “Lomas de Zamora”.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati