La nostra ora di libertà - Ascolta e Testo Lyrics La festa del paese

Brano

00:00
 
00:00

Testo della canzone

Tu mi parli dei tuoi sogni infranti
davanti ad auto parcheggiate in quarta fila
dei complessi industriali e interni
o di capitalisti fuggiti con la refurtiva

Vedi come tutto poi sfugge
e gli anni '80 non tornano più
sull'attenti a rispettare i tempi
in fabbriche in disuso che crollano poi giù

E tu non mi hai mai chiesto di tornare
a ridere dei gatti che invadono le strade
a camminare sopra i cartelloni elettorali
e poi non scappare più

E le tue rivoluzioni per etichette contraffatte
in calzoni a vita bassa usati come distintivi
ministri del far niente pagati con le tue paure
per terroristi compiacenti con prole e posto fisso

E tu non mi hai mai chiesto di tornare
nelle cave abbandonate ai rifiuti dell'estate
a staccare i manifesti della festa del paese
e poi non scappare più

E tu non mi hai mai chiesto di tornare
a ricostruire i muri ai concorsi comunali
ad accogliere gli alieni nelle case diroccate
ai matrimoni combinati e ai bestemmiatori stagionali
a bruciare tutti i ponti di sto cazzo di lavoro
a seppellire i vecchi ad aspettare d'invecchiare
a seppellire i vecchi ad aspettare d'invecchiare
a seppellire i vecchi aspettando d'invecchiare

Album che contiene La festa del paese

album Non è vero niente - La nostra ora di libertàNon è vero niente
2013 - Cantautore, Alternativo
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati