Descrizione

"Qualcosa di cui si sente la mancanza, nel panorama musicale italiano, è del buon cantautorato. Nonostante non manchino i musicisti che si approcciano a questo genere, ben pochi riescono ad ottenere risultati davvero convincenti e fruttuosi. Se la regola è quindi la mediocrità diffusa, come spesso accade ogni regola ha un’eccezione, ha una validissima eccezione in questo caso". Alba Chiara Re, «I Think Magazine».

"Raffinatamente rétro ed istintivamente folkloristico “Momenti di lucidità” si rivela un valido biglietto da visita per Le Ombre di Rosso, una convincente opera prima dalla quale emergono potenzialità tecniche e creative di assoluto rispetto. Non solo velleità da cantastorie di piazza ma apprezzabile propensione verso il rispolvero ed il recupero di armonie tinte di suggestioni passate". Alessandro Freschi, «Distorsioni».

"Sono tutti pezzi ["Hey vecchio pazzo", "Ma che ne sai" e "L'equilibrista"] che, in diversa misura, pescano in quei sapori gitani o balcanici diventati ormai sempre più spesso dei semplici, stanchi, cliché da mettere in bella vista al concerto del Primo Maggio, e che qui invece rivivono, autentica eredità culturale coltamente e sapientemente riproposta". Elisa Giovanatti, «Indiana Music Magazine».

"Momenti di lucidità" è un disco nato dal sodalizio tra Fabio Fantuzzi, poeta, saggista e studioso di letteratura per musica, e Andrea Alzetta, compositore valcellino e studioso di storia della musica.
I nove brani che lo compongono seguono un fil ruoge che porta a spaziare nel tempo e nelle influenze, tra echi letterari e musicali, figli tanto della tradizione cantuatoriale italiana e americana che della tradizione poetica del Simbolismo francese e del Modernismo angloamericano, abbracciando musiche, generi e strumenti lontani nello spazio e nel tempo, seguendo versi che precedono la musica, la guidano e ne sono accompagnati.

Credits

Le Ombre di Rosso sono:

Andrea Alzetta > pianoforte, fisarmonica e organo
Nicola Borsoi > basso e chitarra
Paolo Bottecchia > sassofoni e flauto
Cesare Cusan > batteria, percussioni e vibrafono
Fabio Fantuzzi > voce, armonica, chitarra, banjo
Jacopo Mazzer > violino, mandolino, chitarra, Rhodes piano, mellotron, sintetizzatore, giocattoli

Hanno inoltre suonato:

Hermes Borsoi > clarinetto nelle tracce n. 1, 4 e 6
Alice Gaspardo > trombone nelle tracce n. 1, 6 e 8
Giovanni Grammatico > basso tuba nelle tracce n. 3 e 6
Raffaele Matera > corno francese nella traccia n. 9
Paola Zuccato > violoncello nella traccia n. 8

Registrato presso la Casa della Musica di Conegliano da Marco Verardo e Tommaso Benedetto (YourOhm Mobile Recording Studio) e Jacopo Mazzer (pfM Studio) nel mese di Febbraio 2015.

Mixato da Enrico Berto (Mushroom Studio).
Masterizzato da Ruggero Pol (Garage Studio).

Arrangiamenti: Andrea Alzetta, Cesare Cusan.
Fotografie: Daniele Serio.

Prodotto da Le Ombre di Rosso con il patrocinio del comune di Conegliano, e distribuito dalla factory triestina Sonicyut che gestisce anche il booking del gruppo.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati