Le vite di tanti

Le vite di tanti

Giuseppe Libé

2019 - Cantautoriale, Folk, Pop rock

Descrizione

“Le Vite di Tanti” è il titolo dell’album di esordio di Giuseppe Libé, prodotto dallo stesso Libé sotto la direzione artistica di Matteo Calza.

Un esordio tardivo che ha fatto sì che l’autore si immergesse nell’esistenza prima che nel suo racconto.
Il disco offre una panoramica sull’esistenza e sugli infiniti intrecci che le nostre scelte ci portano a percorrere.
Attraverso il racconto della vita, Libé espone il suo punto di vista sulla contemporaneità. Così come le nostre vite differiscono l’una dall’altra, allo stesso modo cambiano i registri con cui vengono raccontate: c’è il realismo di canzoni come “Le Vite di Tanti” e “Passo Dopo Passo”; la malinconica poesia di “Sopra Le Viole” e il “Tuo Abito Blu”; l’eterna commedia del rapporto tra uomo e donna ne “Il Segreto di Chiara”; la scanzonata ironia di “Vivo un po’ Così” e il romanticismo di “Apri La Tua Porta”. Infine, come a legare tutto il racconto, l’epica e allo stesso tempo introspettiva “Aria Nuova”, una canzone che si rivolge all’interiorità e al bisogno di andare oltre la superficie dell’esistenza, ripercorrendo l’antico monito del “conosci te stesso”.

Le radici di Libé affondano sicuramente nel cantautorato italiano e statunitense, ma il tutto è mediato da un linguaggio diretto e da un vestito musicale che spazia abilmente tra i generi. Si passa con facilità dal pop al rock, attraverso incursioni di sintetizzatori e drum loop, senza dimenticare una matrice folk che a tratti riemerge prepotentemente (“Sopra Le Viole").

“Le Vite di Tanti” è un album ricco, che riesce ad essere intenso e a tratti scanzonato, che apre porte ma non dà soluzioni, da cantare sotto la doccia o meditando sopra un divano.
Un album nato fra i colori delle vallate Piacentine e il grigio della nebbia autunnale della pianura padana.
Insomma, “Le Vite di Tanti” è un esordio che ha il sapore di una lunga esperienza.

Credits

Testi: Giuseppe Libé
Musiche: Giuseppe Libé; Matteo Calza
Produzione e arrangiamenti: Matteo Calza in collaborazione con Leonardo Caminati
Missaggi: Leonardo Caminati
Mastering: Alessandro Vanara

Voce e chitarre: Giuseppe Libé
Chitarre, piano, synth, banjo, mandolino, programmazioni: Matteo Calza
Batteria e percussioni: Riccardo Dallagiovanna
Basso: Nicolò Magistrali
Piano: Michele Curedda

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia