I Liquid Clock nascono nel febbraio del 2007 come trio strumentale. Ennio, Max e Marco, rispettivamente bassista, chitarrista e batterista, si mettono subito in cerca di cantante e sassofonista per completare la formazione e nel frattempo iniziano a comporre i primi pezzi funk rock. Dopo l’arrivo di Sabrina al sassofono nel settembre del 2007, il gruppo decide di rinunciare alla ricerca di una voce e di rimanere una formazione strumentale. La musica che i quattro compongono si trasforma spontaneamente, abbandonando i suoni più prettamente rock e avvicinandosi piuttosto a sonorità atmosferiche, che non rinuncino però all’elemento essenziale attorno al quale il gruppo è nato: il groove del funk. Ciò che lega Ennio, Max, Sabrina e Marco, oltre a un’amicizia che cresce con il tempo, è il comune obiettivo di mettere in gioco le proprie idee musicali, cercando di dar vita a qualcosa di originale, senza preoccuparsi di quanto spazio la propria musica possa trovare al di fuori della sala prove. Nel 2008 iniziano i primi concerti, in occasione dei quali il repertorio di pezzi originali viene affiancato da alcune cover di funk strumentale. Gli apprezzamenti ricevuti durante le esibizioni live vengono accolti con grande sorpresa dalla band e incoraggiano i quattro a partecipare ad alcuni contest riservati a gruppi che compongono musica inedita. Nella prima serata del contest “Teatrock” arriva la proposta di essere inseriti nel programma della rassegna Jazzin’ Laus 2009, organizzata dal Comune di Lodi, a cui i Liquid Clock partecipano con entusiasmo. Il risultato ottenuto nei concorsi va al di là di ogni aspettativa: primo posto al contest Teatrock, primo posto al contest Musica Giovane, secondo posto al J-Cafè contest e semifinali all'Orquestra Alternative Rock Contest. Nell'estate 2009 i Liquid Clock hanno anche l'occasione di realizzare la sonorizzazione di due cortometraggi che viene proposta dal vivo alla festa al Parco di Loreto di Bergamo, e di partecipare al festival LiberArte a San Severo, in provincia di Foggia. A fine gennaio 2010 arriva finalmente il primo album dei Liquid Clock, “Sense of self”, un viaggio tra funk e sonorità atmosferiche. L'album è pubblicato sotto una licenza Creative Commons e può essere quindi ascoltato e scaricato gratuitamente.

Ultimi articoli su Liquid Clock