Descrizione

“Lies to stars” è stato interamente prodotto da Love in Elevator, registrato e mixato da Andrea Volpato (Fox Studio, Venezia) e masterizzato a Chicago da Bob Weston (Chicago Mastering Service).

Una danza macabra che si muove tra cospirazioni (Seven, The Wheel), scene di amore sensuale (Anticipation) e viaggio nello spazio (Iupiter, Lies are the Stars): in tutti questi ambiti, si parla di scarcerazione dalle gabbie mentali.

Apre Open Vision, in cui un certo post-punk (nella forma originaria della band) si mescola con il psichedelico in ambientazioni di Eighties atmosferici. Breeders, sfornatori di marmocchi, è una marcia sepolcrale che parla dello stress emotivo dato dalle aspettative che arrivano dalla società e da noi stessi. Cut aumenta di bpm in una cavalcata dal testo d’autore: umorismo dark mediamente disturbante, di Sylvia Plath.

L’album si chiude con una danza sul futuro, Last Dance, ed una ballata sul passato, Past Times.

Credits

Line-up: Anna Carazzai (voce, chitarra), Federico Mellinato (basso), Andrea Volpato (batteria, synth).

Album interamente prodotto da Love in Elevator, registrato e mixato da Andrea Volpato presso il Fox Studio di Venezia e masterizzato da Bob Weston al Chicago Mastering Service, Chicago. Artwork Lucy Faery.

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO