Descrizione

Il tratto distintivo della band è la musica suonata, ovunque, fin dai primissimi esordi con l'auto-produzione e la documentazione, registrazione, di ogni incursione dal vivo.
Altra caratteristica, non da poco, fu l'impegno dei giovanissimi membri in collaborazioni e produzioni di altissimo livello che li impiegò, fin dall'inizio del loro percorso, in progetti professionali che furono una scuola a tutti gli effetti (occupandosi sia della fonia, in studio e dal vivo, che della produzione musicale ed artistica, ma anche quella esecutiva e la cura manageriale dei progetti presso la Ribes Multimedia Art, società di produzione e factory ideata da Vittorio Nocenzi, fondatore del Banco del Mutuo Soccorso, poi trasformata in laboratorio permanente per i giovani talenti, ben prima dei reality e talent show televisivi).
Anni, diremmo "vissuti pericolosamente" :-), con Vittorio Nocenzi, poi Rodolfo Maltese e Francesco Di Giacomo sempre del BANCO, con Dario Fo, Franca Rame e Jacopo Fo presso la Libera Università di Alcatraz.
Successivamente iniziarono le collaborazioni con Patrizio Fariselli, gli AREA, Gianni Maroccolo, fino alle produzioni di oggi, che sono la cifra stilistica e parte della loro proposta artistica.
Appena maggiorenni, conquistata la patente ed il modem, proprio attraverso le prime pagine di ROCKIT, vennero a conoscenza del fermento organizzativo dei Festival a concorso che ha contraddistinto gli anni zero. Operazione che li spinse a girare in lungo e largo per la penisola, collezionando riconoscimenti e premi in tutta Italia: 2 volte il Premio Disco d'Oro di Macerata, il National Music Convention di Ancona, il Premio Augusto Daolio di Sulmona (AQ), il Three Days of Peace and Music di Policastro (SA), il Frequenze Mediterranee di Matera, il Sapri Rock (SA), il Bande Rumorose di Ferrara, il Ritmi Globali Europei di Treviso, Premio Ululati dell'underground di Firenze, il Caotic Pass di Mantova, il Premio MEI - Casa della Musica - Museo della Resistenza "Cà di Malanca" (RA).
Le registrazioni dei loro concerti dovevano essere materiale di autovalutazione, per il puro scopo didattico della band. Ma una chiamata urgente a supportare il tour internazionale del Balletto di Bronzo (storico gruppo della scena rock '70 italiana) stimolò Lo ZOO di Berlino a cogliere la possibilità di autofinanziamento e di diffondere oltre i propri confini nazionali la loro musica (scelta più che azzeccata visto che ancora oggi in Giappone il pubblico che li segue custodisce gelosamente questo CD).
Così una registrazione tenutasi in occasione di una loro esibizione per un festival rock nei pressi dello Sferisterio di Macerata, particolarmente riuscita al punto tale da far interessare alla band Franz Di Cioccio della PFM per la sua neonata label "Fermenti Vivi", venne stampata in fretta e furia in sole 100 copie numerate (e poi autografate durante la conferenza stampa a Tokyo) e destinate per quella spaziale trasferta in Giappone, romanticamente vissuta come il mito di "Made in Japan" dei Deep Purple.

Credits

Tiratura limitata in 100 copie numerate e distribuite esclusivamente in Giappone.
Audio più video.

Commenti (1)

  • Consorzio ZdB 30/04/2017 ore 18:20 @ConsorzioZdB

    Ne abbiamo sentito parlare...ma leggerlo qui, ora, è tutta un'altra cosa: che bellezza ragazzi ;-) :-*

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati