Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

“Blu” è un album che parla di reazione. Nessun gesto eroico o spettacolare, nessuna rivoluzione con e attraverso la musica. E’ una reazione personale a tante cose che possono accadere. Il disco si apre con Vynavil, che rappresenta la situazione di quando si è toccato il fondo ma dalla quale c’è la voglia di rialzarsi, quasi in modo rabbioso e istintivo. Rino Gaetano cantava con ironia che, nonostante un paese con tanti problemi, “il cielo è sempre più blu”, oggi anche il cielo perde colore e in questo modo tutti si accorgono che c’è qualcosa che non va. “Questo cielo è sempre meno blu” ma nonostante questo c’è sempre voglia di reagire,nonostante la visione di un mondo fiabesco sia venuta meno.
Affilate le lame, preparatevi e prepariamoci.
L’oppressore a cui ci si ribella può anche essere un amore passato, che viene combattuto con cinismo, trasformandolo in qualcosa di poco importante, oppure una battaglia con se stessi o, ancora, contro un nemico più forte e numeroso.
Come ogni difficoltà viene affrontata in modo diverso, così lo stile musicale cambia da canzone a canzone, prima più duro e stoner poi più rilassato e melodico.
I pezzi sono suonati interamente dai Luoghi Comuni e da Nicola Baronti, i testi sono di Leonardo Spampani, Alessandro Antonacci e Claudio Marciano.

Credits

Artista: Luoghi Comuni

Titolo: “Blu”

Etichetta: Phonarchia Dischi

Distribuzione: Audioglobe/The Orchard

Produttore artistico: Nicola Baronti

Assistente di produzione: Saiara Pedrazzi

Registrazioni: Registrato e missato presso "La Tana del Bianconiglio Studio" di Montecchio di Peccioli (PI) da Nicola Baronti. Masterizzato presso lo studio "Casa Medusa" di Milano da Max Lotti. Copertina di Caterina Pinsi.

Musicisti: Claudio Marciano (chitarra), Simone Venezia (batteria), Leonardo Spampani (voce, chitarra)

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati