Leggi la recensione

Descrizione

Il terzo disco del MANAGEMENT DEL DOLORE POST-OPERATORIO uscirà il 28 aprile 2015. Il nuovo lavoro verrà pubblicato dall'etichetta di punta della scena indipendente italiana, La Tempesta Dischi. Il disco è stato prodotto e registrato da Giulio Ragno Favero (Il Teatro degli Orrori). Le immagini collage della copertina e dell’artwork sono opera di Pasquale De Sensi. Le nuove tracce scritte dalla band e raccolte in I Love You sono undici, di cui "Scrivere un curriculum" è tratto dalla poesia del premio Nobel Wislawa Szymborska, mentre "Il mio giovane e libero amore" è tratto da uno scritto anarchico del 1921. L'idea per il titolo dell'album nasce dall'omonimo film del 1986 di Marco Ferreri, dove il protagonista (Christopher Lambert), stanco del suo rapporto con le donne, si innamora di un portachiavi con la forma di un volto femminile che al suo fischio risponde dicendogli "I love you!”.

Credits

Musiche: MARCO DINIZ DI NARDO *
Testi: LUCA ROMAGNOLI **
Produzione artistica: GIULIO RAGNO FAVERO
Pre produzione: MARCO DINIZ DI NARDO
Arrangiamenti: MANAGEMENT DEL DOLORE POST-OPERATORIO e GIULIO RAGNO FAVERO

Registrato tra novembre 2014 e gennaio 2015 presso Lignum Studio di Villa del Conte (PD) da Giulio Ragno Favero. Assistenti in studio: Massimo Berti, Marcello Batelli
Mixato a febbraio 2015 presso La Sauna di Varano Borghi (VA) da Giulio Ragno Favero e Andrea Cajelli
Masterizzato da Giovanni Versari presso La Maestà di Tredozio (FC)

* "Le Storie che finiscono male" di Marco Diniz Di Nardo e Domenico Candeloro
** i testi delle canzoni "Scrivere un Curriculum" e "Il mio giovane e libero amore" sono rispettivamente tratti dalla poesia di Wislawa Szimborska e da un canto anarchico del 1921 di Renzo Novatore

Formazione:
LUCA ROMAGNOLI: voce
MARCO DI NARDO: chitarre e cori
NICOLA CEROLI: batteria e cori
LUCA DI BUCCHIANICO: basso e cori

Commenti (12)

Carica commenti più vecchi
  • Powerpopaholic91 28/04/2015 ore 10:31 @Powerpopaholic91

    alfio granatieri Alfio, fino a pochi giorni fa si poteva ascoltare tutto l'album. Non so cosa sia successo. Per il resto concordo.

  • Maweeno Thunderpower 06/05/2015 ore 09:21 @gabomarino

    Caro maxavo. Non sono d'accordo con niente di quello che hai detto. Le melodie si sentono chiare e forti la batteria non copre semmai le accentua a mio parere. A te non piace la batteria punk, questo é palese mi dispiace che questo comprometta il tuo orecchio. Io personalmente trovo che tracce come "se ti sciogliessero con l'acido" "le scimmie" "storie che finiscono male" siano dei gran capolavori soprattutto a livello di testi. La chitarrina indie british punk mi ha un po' stancato personalmente ma é innegabile che si sposi bene con il resto della base ritmica. Non ho apprezzato moltissimo i precedenti lavori dei madedopo e dire che il mix era migliore mi fa capire quanto poco orecchio puo avere la gente che scrive baggianate con parole altisonanti che contano decisamente poco a mio avviso. Saluti

  • maxavo 06/05/2015 ore 20:59 @maxavo

    Il bello della musica è che ognuno la sente con la propria sensibilità, che, in quanto tale, ha valore soggettivo. Quello a cui io do accezione negativa, per qualcun altro assume valore positivo, senza che una cosa escluda necessariamente l'altra.
    Gli episodi che citi, soprattutto la bella "le storie che finiscono male", sono quelli che maggiormente ricordano i pezzi piu riusciti del precedente album, quali "hanno ucciso un drogato", "il cantico delle fotografie", "james duglas morrison","requiem per una madre" e "la rapina collettiva";tutti brani bellissimi e, a parer mio, di livello superiore a quanto ascoltato in questa loro ultima prova. Ma sai come si dice:de gustibus non disputandum est"
    Sono contento che a te(maweeno thunderpower) l'album piaccia piu dei precedenti, al contrario di me;non per questo penso che tu ne capisca meno di me, al contrario di te.
    In fondo, l'importante è esser convinti, come tu mi dimostri.

  • Ale77io 18/05/2015 ore 16:44 @Ale77io

    Bah! Personalmente sono molto deluso da quest'album... lo ascolto e riascolto e non riesco ad innamorarmi di nessuna traccia...
    Per me sono in "picchiata" Auff è stato grandioso! McMao dal mio punto di vista aveva alti e bassi, Scimmie... non posso dire che sia un bel disco.

  • gianni73 26/05/2015 ore 11:54 @gianni73

    A me sembra un buon lavoro....Probabilmente manca il pezzo che ti si stampa in mente, quello che ascolti 5 volte consecutive tipo "Auff" o "Requiem per una madre"...Pero' sti ragazzi teniamoceli stretti....Non c'è molto di buono in giro....Almeno dal mio punto di vista, quello cioè di uno, che da 30 anni è attaccato ai dischi dei Diaframma come un koala ad un albero di eucalipto!!!

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati