Un cantautore fuori dagli schemi con un live energico ed un set unico sul palco. Un narratore ironicamente serio con storie reali e concrete.

Si è inventato un nuovo tipo di "live" Il Live "raccontato"
Ha calcato i palchi con nomi quali Nicolò Fabi, Sottotono e Allegra Lusini.
Ha aperto concerti a Sergio Arturo Calonego, España Circo Este, Bryan Cazzaniga.
Ha condiviso il palco con Teo Manzo, Walter Muto, Francesco Magni, Francesco D'Acri, Lu Colombo e tanti altri.

Due dischi e un romanzo all'attivo.

Si è piazzato al 4° posto nazionale all'EURO MUSIC CONTEST 2014 con il brano dedicato a suo figlio "QUESTO LO FARO"

Il suo brano "COLORI D'ESTATE" dedicato a Bellaria Igea Marina è stato utilizzato come sigla delle due serate finali del premio nazionale BIM MUSIC NETWORK 2015 capitanato dal maestro MOGOL.

Il suo brano "RESPIRO DI TE" ha riecheggiato i tutti gli stadi calcistici di serie A e durante le dirette RAI e SKY come colonna sonora dello spot a favore dell'associazione VITTIME DEL DOVERE.

Il suo brano "FESTA DI PRIMAVERA" dedicato alla città di Lissone (dove vive), è divenuto l'inno della manifestazione primaverile della città.

Ha calcato i palchi con i comici di Zelig e Colorado.

Esibizioni: Tambourine (MB), Alcatraz (MI), Parco di Villa Tittoni (MB), Nadamas (MB), Giardini di Baltimora (GE), Teatro di Buti (PI), Bellaria Igea Marina (RN), Il Circolo (MB), Teatro tenda Villa Remmert (TO) , Teatro Pertini (MB), Memo Restaurant Music Club (MI) e molti altri...

È stato ospite in diretta in alcune delle maggiori radio tra cui Radio Lombardia, Radio Popolare, RCS, Radio Globale, Radio Punto, Like RAdio, Radio Bla Bla e molte altre.

DICONO DI LUI:

“Mao Medici si racconta e manda un messaggio: nonostante le difficoltà della vita “Svegliati e credici”. (Rockit.it)

“E' un matto davvero originale e molto molto educato" - Toto Cutugno

"Ha dei testi geniali, ho voluto personalmente premiarlo e menzionare la profondità dei suoi testi" - Omar Pedrini

"E' un narratore che racconta e sa raccontare storie, come un Guccini o un de André, ma lo fa alla sua maniera con uno stile unico" - Antonio Silva (premio Tenco)