Marcoavaro La contemplazione del totem Ascolta e Testo Lyrics

Marcoavaro La contemplazione del totem Ascolta e Testo Lyrics

band
Hardcore 

Torino, Piemonte

Brano

00:00
 
00:00

Testo della canzone

Ho visto Marco ballare, dimenticar tutto, tirare a fanculo
ho visto una luna lontana un' aura fortissima il tuono del muro
ho visto Marco ballare, dimenar budella, diventare suono
e fulmini di casse arroventate chiedermi chi sono

E rido ancora e bestemmio e rido forte e bestemmio
perchè col culo qui nessuno poi alla fine la fa
e non mi frega una minchia e non mi frega di niente
perchè col cazzo che mi levo di torno Fa
Ed ho sudato su tutto il seminabile
or di terreno non ve n' è più
quando potevo raccogliere ero ispirato da altro che muoveva nel blu

E cerchi altrove ogni giorno ma l' altrove è routine
e gli occhi a 16 anni non li avrai mai più

Ho visto Marco ballare, dimenticar tutto, tirare a fanculo
ho visto una luna lontana un' aura fortissima il tuono del muro
ho visto Marco ballare, dimenar budella, diventare suono
e fulmini di casse arroventate chiedermi chi sono

Hai detto a tutti che hai smesso, hai detto a tutti che vai
e non ci crede nessuno e non la beve nessuno, dai
hai detto atutti ti sei rotto, hai detto a tutti me ne fotto
e non ti ascolta nessuno, che vuoi? che vuoi
Tu quante volte hai pensato al suicidio?
Quante volte hai giocato con lei?
La Baby candida che succhia le tue viscere
l' orgasmo che ti strappa e non c' è il bis

Ho visto Marco ballare, dimenticar tutto, tirare a fanculo
ho visto una luna lontana un' aura fortissima il tuono del muro
ho visto Marco ballare, dimenar budella, diventare suono
e fulmini di casse arroventate chiedermi chi sono



Album che contiene La contemplazione del totem


Vai all'album Vai alla recensione

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    aggiungi ai tuoi preferiti